Denti da latte: ecco le regole per proteggerli

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/10/2014 Aggiornato il 09/10/2014

Anche se non sono definitivi, i denti da latte vanno curati. In che modo? Lavandoli tutti i giorni e facendo attenzione all’alimentazione. Ma non solo…

Denti da latte: ecco le regole per proteggerli

Tanti pensano che, essendo destinati a cadere, non sia necessario prendersene cura. Invece, i denti da latte vanno curati, eccome. Infatti, svolgono una serie di funzioni essenziali. Ecco quali sono, secondo i dentisti dell’Istituto stomatologico italiano (Isi), le regole da seguire per proteggerli.

Svolgono tante funzioni utili

I denti da latte, benché destinati a cadere a partire dai sei anni circa, vanno curati. Innanzitutto, perché hanno l’importantissimo compito di “tenere lo spazio” per i denti permanenti e di influire sulla loro salute. Inoltre, perché intervengono nella crescita delle strutture della bocca e partecipano alla funzione masticatoria. Infine, perché contribuiscono allo sviluppo del linguaggio. Senza contare poi che, se il bambino si abitua fin da piccolo a prendersi cura dei denti, probabilmente continuerà a farlo anche quando diventa più grandicello.

Lavarli tre volte al giorno

Innanzitutto, mamma e papà devono insegnare al figlio a lavare i dentini tutti i giorni, anche quando ci si trova fuori casa. L’ideale è pulirli tre volte al giorno, dopo i tre pasti principali. Il lavaggio più importante, comunque, è quello serale, prima della nanna.

Attenzione alla dieta

La seconda regola consiste nel controllare ciò che il bimbo mangia. I batteri responsabili della formazione della carie, infatti, si nutrono di alcuni elementi presenti nei cibi. Per questa ragione, è importante insegnare ai bambini quali alimenti fanno bene e quali fanno male ai denti. I più dannosi sono i cibi contenenti zuccheri semplici, come dolciumi, caramelle, gelati, bibite: sono le sostanze che permettono allo Streptococco mutans, il batterio che causa la carie, di proliferare. La frutta, la verdura, gli alimenti integrali e il formaggio, invece, sono cibi particolarmente ricchi di vitamine, di calcio e di fluoro, sostanze “amiche” della salute dei denti.

No al biberon prima della nanna

Un’abitudine particolarmente dannosa per la salute dei denti da latte dei più piccoli è lasciare che il piccolo usi il biberon prima di andare a dormire. Infatti, latte, succhi di frutta, tisane aumentano il rischio di carie. Quindi, se il bimbo beve queste bevande dopo cena, bisogna sempre lavargli i dentini. Per lo stesso motivo, bisogna evitare di intingere il ciuccio nello zucchero o nel miele. Anche durante la fase della dentizione, quando il bebè soffre, meglio non ricorrere a questi rimedi: per alleviare il fastidio si possono usare le pomate specifiche o i giochini contenenti liquido refrigerante.

Non trascurare traumi e carie

I traumi dentali sono molto più frequenti di quanto si possa pensare. Se il dente si spezza o cade, è essenziale andare al più presto dal dentista. Infatti, potrebbero essere necessarie delle cure. Lo stesso accorgimento va adottato se compare una carie: infatti, occorre intervenire prima che il processo arrivi a danneggiare il dente permanente che crescerà poi.

In breve

COME FARE

Durante i primi mesi, per curare l’igiene orale, è sufficiente avvolgere una garza imbevuta d’acqua attorno al dito e farla passare con molta delicatezza su tutta la gengiva. Quando appaiono i denti da latte è il momento di passare allo spazzolino, naturalmente di misura adatta.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti