Denti a macchie: è la malattia dei bambini del 2000

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 20/01/2016 Aggiornato il 20/01/2016

1 bambino su 4 ha denti a macchie. Alla base c'è la demineralizzazione dello smalto dei denti. Tra le cause antibiotici e carenza di vitamina D

Denti a macchie: è la malattia dei bambini del 2000

Si chiama Molar Incisor Hypomineralization (MIH), in italiano “ipomineralizzazione” ed è una patologia dentaria spesso sottovalutata. Invece, i denti a macchie sono diffusi in tutto il mondo e colpiscono di solito i bambini, con una media dal 3% al 25%. Non molti sanno quali sono i rischi a essa connessi. Se non diagnosticata con tempestività, può portare alla frattura dello smalto dei denti. A lanciare l’allarme sui cosiddetti “denti a macchie” la Società Italiana di Odontoiatria Infantile.

Colpiti molari e incisivi

La MIH coinvolge i primi molari permanenti e gli incisivi sin dall’età pediatrica. “È un quadro clinico che oggi osserviamo frequentemente, caratterizzato da una ipomineralizzazione dei denti. Si tratta di un difetto qualitativo dello smalto che tende ad aggravarsi nel tempo – spiega Raffaella Docimo, Presidente della Società Italiana di Odontoiatria Infantile -. I denti ipomineralizzati si presentano con macchie bianco-giallastre o marroni, sono sensibili al caldo e al freddo, durante la masticazione e le manovre di igiene orale e, a causa della anomala porosità dello smalto, possono andare incontro a cedimento strutturale delle aree colpite. La patologia coinvolge principalmente i primi molari permanenti che compaiono dai 6 anni di età”. Secondo gli esperti è la condizione più osservata tra i nati dall’inizio del nuovo millennio in avanti.

Tante cause

Fattore genetico, carenza di vitamina D, problemi di salute nei primi 3 anni di vita, eccesso di fluoro o l’utilizzo di alcuni antibiotici. Sono diverse le cause che provocano la demineralizzazione dello smalto, la sostanza dura (costituita principalmente da composti a base di calcio) che riveste la superficie esterna dei denti. In crescita è anche il problema della carie che colpisce il 22% dei bimbi di 4 anni, il 44% di quelli 12 anni e oltre il 60% dei ragazzi tra i 13 e i 18 anni.

Indispensabile la prevenzione

“Fondamentale – avverte Docimo – è la diagnosi precoce e l’identificazione dei soggetti a rischio. La terapia mira al trattamento della ipersensibilità, alla prevenzione della carie, al restauro degli elementi dentali compromessi, considerato comunque che è indifferibile il monitoraggio costante con controlli trimestrali. Va sfatata – sottolinea – la convinzione diffusa che sia inutile curare i denti da latte: al contrario, questi hanno una grande importanza per la crescita delle arcate dentarie, oltre che per la funzione masticatoria e per lo sviluppo del linguaggio”. Riguardo ai costi dei controlli e dei trattamenti, la dottoressa ricorda che “ci sono ospedali pubblici con reparti ad hoc di odontoiatria infantile, dove le cure hanno il solo costo del ticket’”.

Lavare i denti dai 6 mesi di vita

Gli esperti dicono che i denti dei bambini dovrebbero essere lavati dai sei mesi di età. Fino ai 6 anni si dovrebbero utilizzare prodotti contenenti almeno mille parti per milione di fluoro, due volte al giorno.

 

 

 

 
 
 

In breve

SI’ AL FLUORO, MA NON TROPPO

Il fluoro è utile a proteggere lo smalto dei denti, ma se si eccede con le quantità si corre il rischio di provocare la fluorosi (denti macchiati) che comporta un’alterazione endogena dello smalto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti