Dermatite da contatto: cosa è e come curarla nel bambino

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/06/2014 Aggiornato il 09/06/2014

La dermatite da contatto può colpire facilmente il bambino, che ha la pelle sensibile e delicata e può sviluppare infiammazioni. Ecco perché

Dermatite da contatto: cosa è e come curarla nel bambino

Fino a qualche anno fa si pensava che la dermatite da contatto fosse molto rara nell’infanzia. Negli ultimi tempi, invece, si è visto che si tratta di una delle malattie dermatologiche più frequenti fra i bambini, soprattutto sopra i due anni.

È un’infiammazione della pelle

Per dermatite da contatto s’intende un’infiammazione cutanea dovuta, come dice il nome stesso, al contatto tra un agente esterno e la cute. Gli esperti distinguono due forme principali di malattia: irritativa e allergica. La dermatite irritativa da contatto è la più frequente: non vede il coinvolgimento del sistema immunitario, ma si caratterizza per un danno diretto dei tessuti. La dermatite allergica da contatto, invece, è mediata dal sistema di difesa.

Arrossamento, prurito e lesioni

Entrambe le tipologie di dermatite da contatto si manifestano con la comparsa di un eritema, ossia un’irritazione cutanea. Spesso l’arrossamento è associato ad altri sintomi, come prurito, desquamazione, lesioni e vescicole.

Attenzione ai cosmetici

Potenzialmente le sostanze che possono scatenare una dermatite da contatto sono migliaia. Per quanto riguarda le forme allergiche, nei bimbi piccoli occorre fate attenzione soprattutto agli oggetti da succhiare (soprattutto di gomma), ai pannolini e alle colle. Nei bambini più grandicelli, invece, spesso le allergie da contatto sono scatenate da vaccini e farmaci topici contenenti mercurio, giocattoli e bigiotteria (nichel, gomma e colle). Infine, negli adolescenti sono sotto accusa cosmetici, bigiotteria, tatuaggi temporanei.

Diffuse quelle ai cosmetici

In particolare, fra i giovani sono in aumento le allergie da cosmetici: infatti, se per i neonati e i piccolini si tendono ad acquistare prodotti formulati appositamente, in genere più delicati, per i ragazzi più grandi si acquistano spesso articoli da adulti.

Subito dal pediatra

Se sulla pelle del bambino si nota un eritema, è bene rivolgersi subito al pediatra. Sarà lo specialista a consigliare se eseguire test diagnostici e come comportarsi. 

In breve

I FATTORI DI RISCHIO

È bene sapere che l’umidità eccessiva e le temperature elevate possono favorire la comparsa di una dermatite da contatto. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti