Dice le bugie? Meglio non punirlo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/02/2015 Aggiornato il 19/02/2015

Tutti i bimbi dicono le bugie, è normale. Per insegnare loro a non mentire più non serve punirli. Anzi, i castighi sono controproducenti. Vediamo perché

Dice le bugie? Meglio non punirlo

Anche i bambini più tranquilli, obbedienti ed educati non riescono a resistere. Dire bugie ogni tanto è del tutto normale. Del resto, capita anche agli adulti di farlo, anche se a fin di bene. Questo non significa però che si tratti di un comportamento tollerabile. Anzi, mamma e papà devono spiegare al figlio che non bisogna farlo. Per stimolarlo a dire la verità, però, non devono ricorrere a punizioni. Infatti, i castighi possono risultare addirittura controproducenti. Lo dimostra un recente studio condotto da un team di ricercatori canadesi, della McGill University di Montréal, pubblicato sul Journal of Experimental Child Psychology.

L’esperimento con i giocattoli

La ricerca ha riguardato 372 bambini di età compresa fra i quattro e gli otto anni. Tutti sono stati sottoposti a un semplice esperimento. In pratica, sono stati invitati a trascorrere del tempo in una stanza da soli, senza la presenza dei genitori o di altri adulti. Gli autori hanno spiegato loro che potevano giocare o fare quello che desideravano purché non sbirciassero i giocattoli posti sul tavolo posto alle loro spalle. Durante il tempo in cui sono rimasti nella stanza i bimbi sono stati filmati da una telecamera nascosta. Una volta usciti, i ricercatori hanno chiesto loro di dire se avessero guardato o meno i giochi. Lo scopo era capire se e quanti di loro dicessero bugie in merito a quanto fatto nel corso dell’esperimento.

I più grandi sono più bugiardi

L’analisi dei risultati ha confermato che i bambini tendono a dire bugie. Infatti, dai filmati è emerso che ben il 67,5% dei volontari aveva sbirciato il giocattolo. Solo il 2% però lo ha ammesso: il 66,5% ha mentito ai ricercatori, dicendo di non aver infranto la promessa data. Il comportamento dei piccoli partecipanti non è stato uniforme. Si è visto che quelli più grandi tendevano maggiormente a rispettare la parola data, ma fra quelli che avevano trasgredito la quota dei bugiardi era più alta.

I castighi non servono

Ma non è finita qui. Per indurre i bimbi a dire la verità, gli scienziati li  hanno divisi in dei gruppi: il primo gruppo è stato minacciato di essere punito in caso di bugie, il secondo è stato incitato a raccontare la verità per far felici gli adulti o per un dovere morale nei confronti di loro stessi. Ebbene, i meno bugiardi sono stati i bimbi del secondo gruppo. Ecco perché i ricercatori hanno concluso che i castighi non sono la soluzione alle bugie. “Le minacce di una punizione non sono un deterrente per non mentire e non comunicano perché il bambino dovrebbe essere onesto. I bambini spesso mentono per nascondere le trasgressioni. Dopo aver fatto qualcosa di sbagliato o infranto una regola, potrebbero scegliere di mentire per nasconderlo. Dopo tutto, sanno che possono finire nei guai per aver trasgredito. Così la punizione non ha molto effetto e non scoraggia a utilizzare la strategia di mentire per cercare di venir fuori dai guai” hanno spiegato.

 

 

  

In breve

L’ONESTA’ VA LODATA

Se il bambino dice bugie, mamma e papà, invece di punirlo, potrebbero dirgli che il suo comportamento li ha resi tristi e arrabbiati. Vedendo la reazione dei genitori, il piccolo può rendersi conto di aver sbagliato. E se confessa una marachella? Allora dovrebbero lodarlo per la sua onestà, ma spiegandogli comunque che certe cose non vanno fatte.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti