Disprassia: il 6% dei bambini ha difficoltà di parola e movimento

Per disprassia si intende una difficoltà nei bambini di parlare e muoversi non legata a problemi intellettivi o deficit cognitivi. Può essere curata. Ecco come

Disprassia: il 6% dei bambini ha difficoltà di parola e movimento

La disprassia è diffusa soprattutto tra i maschi e, anche se se ne parla poco, ormai colpisce almeno il 6 per cento dei bambini italiani. Si riconosce da una difficoltà di parola e movimento non accompagnata da deficit intellettivi, come se ci fosse un problema confinato solo alla trasmissione di certe informazioni motorie e di linguaggio. Si tratta infatti di un disturbo causato dalla inefficienza che hanno alcuni neuroni del cervello, i “neuroni motori”, nel trasmettere le giuste informazioni ai muscoli, rendendo così difficile anche azioni e gesti quotidiani e provocando un ritardo nelle tappe di sviluppo motorio o del linguaggio dei più piccoli. Per i bambini affetti da disprassia, per esempio, è difficile anche fischiare, saltellare, ridere e giocare.

Non sono meno intelligenti

La disprassia non ha niente a che vedere con un deficit delle facoltà intellettive e cognitive, sebbene i bambini colpiti possono subire ritardi nell’imparare gesti intenzionali abituali, come vestirsi, camminare, muovere lo sguardo, emettere suoni e parole.

Programmi specifici

Ma se a oggi non sono ancora totalmente chiare le cause di questo disturbo, certi sono, invece, i benefici derivabili da un percorso logopedico e programmi di riabilitazione ad hoc. ”È nell’infanzia – sottolineano alcuni esperti  logopedisti – che si creano nuove connessioni nel sistema nervoso e il bambino apprende nuove abilità e competenze. Pertanto, più è precoce il trattamento terapeutico, maggiori saranno le possibilità di miglioramento”. Un percorso programmato con il logopedista può, dunque, aiutare il bambino a coordinare i movimenti, a gestire le difficoltà della vita quotidiana che la disprassia può causare. Il tutto a vantaggio di una migliore resa scolastica e integrazione nel gruppo.

Che cos’è la logopedia

La logopedia (dalle parole greche logos “discorso” e paideia “educazione”) è una branca della medicina che si occupa della prevenzione e della cura delle patologie e dei disturbi della voce, del linguaggio e della parola, della comunicazione, della deglutizione e dei disturbi cognitivi connessi (relativi, per esempio, alla memoria e all’apprendimento). Si occupa, inoltre, dello studio delle funzioni corticali superiori e del loro fondamento neurobiologico connessi al linguaggio, alla memoria e all’apprendimento.

Il ruolo dell’esperto

Questo specialista lavora alla rieducazione delle disabilità comunicative e cognitive, utilizzando terapie di abilitazione e riabilitazione della comunicazione e del linguaggio (parola), verbali e non verbali. Inoltre, propone l’adozione di ausili, addestra il bambino all’uso e ne verifica l’efficacia.

 

 

 

 
 
 

DA SAPERE

ECCO COME RICONOSCERLA

Ci sono comportamenti da non sottovalutare nel comportamento quotidiano del bambino. Per esempio: arrivare più in ritardo dei coetanei nell’apprendimento di azioni basiche come sedersi, rotolarsi, alzarsi, camminare, vestirsi, disegnare, usare il vasino, masticare e deglutire cibi solidi. Presentare alcune difficoltà motorie, come inciampare o cadere spesso, o comportamentali che mettono il piccolo a disagio nel confronto con gli altri. Essere soggetto a ansia e agitazioni anomale. Avere difficoltà di parola o ritardo nello sviluppo del linguaggio rispetto all’età.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti