Dormire con l’orsetto aiuta i bimbi a leggere

Dormire con l’orsetto del cuore, oltre ad aiutare i bambini a sviluppare empatia, può stimolarli a imparare a leggere. Ecco perché

Dormire con l’orsetto aiuta i bimbi a leggere

Dormire con l’orsetto aiuta i bambini nell’apprendimento. È la conclusione cui sono giunti alcuni scienziati giapponesi di diverse università, dopo aver convinto 42 piccoli volontari a leggere alcune storie, per poi raccontarle al loro animaletto di peluche. È poi risultato che i piccoli mostravano maggior curiosità nella lettura se motivati dal fatto di poter raccontare ai loro giocattoli le storie ritratte nei libri.

Inseparabili compagni 

La ricerca afferma che la presenza di animaletti di peluche incentiva la lettura, dimostrando che dormire con l’orsetto aiuta i bambini nell’apprendimento. Questi compagni di gioco, in un’età in cui la fantasia non ha confini, diventano protagonisti dei racconti, proprio come alcuni personaggi delle favole, e interlocutori con i quali dialogare e ai quali raccontare le fiabe.

Stimola la lettura

Come nei cosiddetti “stuffed animal sleepover programs”, che dimostrano la fondatezza di questa teoria, allestendo dei riposini in biblioteca in compagnia di peluche, l’équipe giapponese ha organizzato una festicciola in biblioteca, durante la quale i bimbi sono stati addormentati, mentre i giocattoli sono rimasti tra i libri. I ricercatori hanno fotografato i peluche intenti a “leggere” alcuni racconti, facendo credere ai piccoli addormentati che fossero stati gli stessi animaletti a sceglierli. I bimbi, una volta svegli, vedendo le istantanee dei loro amichetti di peluche, hanno mostrato subito interesse verso le letture, rivelando un desiderio immediato di imparare a leggere per raccontare agli amici inanimati le loro favole preferite.

Peluche in cattedra

Il comportamento dei bimbi è stato osservato dopo vari intervalli, sottolineando che più era recente la scena della lettura dei peluche, più il bambino si dimostrava desideroso di libri. È stato anche rilevato che è sufficiente mostrare un’immagine del peluche-lettore per risvegliare il desiderio di lettura.

Risvolti positivi su socializzazione e creatività

Non solo dormire con l’orsetto aiuta i bambini nell’apprendimento: in un’età molto portata all’immaginazione, l’orsacchiotto diventa un amico a tutti gli effetti che, soprattutto in assenza di fratelli, stimola la socializzazione e la creatività. Orsacchiotti e coniglietti hanno il pregio di esaltare il valore della relazione. Inoltre sono un banco di prova di responsabilità per il piccolo, che impara cosa significa prendersi cura di qualcuno giorno per giorno.  

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

Nell’amico “peloso” bisognoso di coccole e protezione, il bambino rivede se stesso e, interagendo con esso, rivive la relazione con la mamma.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti