Empatia: primi segnali già a 4 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/06/2017 Aggiornato il 16/06/2017

Già dal quarto compleanno il piccolo comincia capire le persone che ci circondano e ad assimilare i principi dell’empatia

Empatia: primi segnali già a 4 anni

Lo sviluppo del cervello e il suo funzionamento sono molto particolari, soprattutto nei primi anni di vita. L’ empatia, ossia il mettersi nei panni di qualcun altro, per esempio, è una cosa da grandi… fino ai tre anni di età.  A rivelarlo è una ricerca del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia, in Germania, condotta in collaborazione con l’Università olandese di Leida e pubblicata sulla rivista Nature Communications.

Un cambiamento repentino

Lo studio ha preso in esame i dati emersi da risonanze magnetiche cerebrali su 43 bambini di 3 e 4 anni e li ha intrecciati con le risposte dei piccoli a semplici test di comprensione e logica. I risultati sembrano evidenziare come, raggiunti i 4 anni di età, si diventi improvvisamente consapevoli del pensiero degli altri e della miriade di possibili risposte che il cervello umano può restituire a uno stimolo.

Le aree cerebrali coinvolte

I test hanno evidenziato come l’empatia derivi da un processo di sviluppo delle fibre del fascicolo arcuato, un’area del cervello che, dal quarto anno di età, connette due importanti regioni cerebrali: la regione adibita al modo di pensare adulto in relazione alle altre persone (posta nella parte posteriore del lobo temporale), e la zona del lobo frontale che permette di distinguere i diversi livelli di astrazione delle cose, consentendo di capire che cosa sia il mondo reale e quali siano i pensieri degli altri. È interessante notare come la nuova connessione supporti questa capacità indipendentemente da altre abilità cognitive, come l’intelligenza, l’abilità linguistica o il controllo dell’impulso.

 

 
 
 

Da sapere!

Lo sviluppo del cervello avviene in modo naturale. Ci sono però alcuni stimoli che possono aiutare i più piccoli a svilupparlo più velocemente e in maniera positiva. Al contrario, stimoli negativi possono nuocere alla crescita equilibrata del bambino. In tutto questo, il ruolo dei genitori è fondamentale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti