Febbre bambini: così la previeni in primavera

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/04/2019 Aggiornato il 12/04/2019

Sebbene la primavera sia ormai alle porte, gli sbalzi di temperatura di questi giorni rappresentano un rischio per la salute dei bambini che possono contrarre anche "influenze fuori stagione"...

Febbre bambini: così la previeni in primavera

Le giornate si sono allungate ma il clima stenta a stabilizzarsi su temperature più miti. E così anche se la primavera è ormai vicina,  alcuni malanni restano in agguato per i bambini, come febbre e raffreddori. Ecco le precauzioni da adottare per scongiurare questi disturbi  Si tratta di comportamenti semplici da seguire che permettono però di mantenere sani i piccoli anche in questa stagione tipicamente contraddistinta da sbalzi di temperatura e acquazzoni.

Tanta attività fisica

Innanzitutto è bene sapere che giocare all’aperto è un’attività salutare, molto importante in età pediatrica sia nel bambino sano sia in quello affetto da malattie respiratorie croniche. Rappresenta anche una valida forma di prevenzione dell’obesità perché contribuisce, attraverso un aumento del dispendio energetico, a ridurre la massa grassa e a potenziare quella magra. È, infine, uno strumento fondamentale per un corretto sviluppo osseo.

Attenzione all’abbigliamento

Durante le prime giornate calde di primavera, tuttavia, bisogna scegliere con attenzione l’abbigliamento dei bambini, che non deve essere troppo pesante e, se possibile, in tessuto traspirante. Adeguato, insomma, alle nuove temperature rialzate. Ricordarsi di alleggerirli dalle felpe mentre giocano, ma di coprirli appena si fermano perché, sudati e accaldati, rischiano di raffreddarsi. È bene dargli spesso da bere acqua fresca e spruzzare sulle parti esposte un prodotto antizanzare.

Cambiare la dieta

In primavera bisognare modificare la dieta dei bambini, che deve diventare più leggera e arricchirsi di vitamine. Pur continuando a rimanere varia, bisogna ridurre il consumo di salumi e insaccati. E ancora i pediatri consigliano, con l’arrivo di temperature più calde, di fare attenzione alle verdure non lavate e alle uova crude che, se non sono davvero fresche, possono provocare gravi intossicazioni alimentari.  

Cappellino e crema solare

Nonostante l’esposizione al sole sia sempre consigliata perché aumenta la trasformazione di vitamina D, è opportuno già in primavera proteggere i bambini dai raggi solari. Applicare sempre una crema protettiva e riparare la testa con un cappellino.

No agli antibiotici

Le forti escursioni termiche e gli sbalzi di temperatura tipici della primavera possono portare malanni per i bambini. Favoriscono, infatti, di frequente lo scatenarsi di raffreddori ed episodi febbrili che spesso si risolvono nel giro di pochi giorni. È bene evitare appena possibile l’uso e di antibiotici, ma somministrare eventualmente antipiretici.

 

 

 
 
 

In breve

Un piccolo vademecum degli esperti fornisce ai genitori le informazioni utili per affrontare i pro e i contro della primavera e scongiurare la comparsa di lievi malesseri nei bambini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti