Giochi con la matematica da piccolo? Andrà meglio a scuola

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/01/2017 Aggiornato il 20/01/2017

Il bambino che già a 3 anni si applica a giochi con la matematica migliora le proprie competenze e avrà anche un più alto rendimento scolastico. Ecco perché

Giochi con la matematica da piccolo? Andrà meglio a scuola

È quanto si sostiene in un  recente studio condotto dai ricercatori del Boston College secondo cui i giochi con la matematica intorno ai 3 anni di età aiuterebbe i bambini a prendere più confidenza con la materia, facilitando in seguito il loro ingresso a scuola e migliorando il loro rendimento in classe.

Rafforzare le abilità matematiche giocando

La ricerca ha seguito le interazioni di 140 madri (di diversa origine etnica e diverso stato socioeconomico) con figli di 36 mesi, ai quali hanno tentato di insegnare, giocando, le basi del mondo dei numeri. Con modalità diverse di valutazione, i ricercatori hanno poi analizzato filmati di momenti di gioco libero tra madri e i figli, seguendo poi i bambini fino al primo anno delle scuole elementari. È emerso che le madri rafforzavano le abilità matematiche dei figli in modi diversi: contando gli oggetti a voce alta, identificando insieme a loro numeri scritti (questo è un 2, questo invece è un 5). Ma sono stati i giochi con la matematica in cui veniva richiesto ai bambini di stimare la quantità di oggetti (biglie, palline o pupazzetti) a essersi dimostrati particolarmente utili: i bimbi che erano stati supportati dai genitori nel dare un valore numerico a piccoli set di oggetti, sono stati quelli che, una volta iniziate le scuole elementari, hanno dimostrato sin dall’inizio un diverso atteggiamento e una miglior riuscita nei confronti della matematica.

Comprendere il significato dei numeri

Secondo l’autore dello studio, molti bambini piccoli sanno contare fino a 10, ma non comprendono il significato dei numeri. Può, invece, essere importante per i genitori sottoporre ai loro figli piccoli gruppi di uno, due, tre oggetti, indicando di quanti oggetti si tratta (guarda, abbiamo due mele nella borsa, quattro libri sullo scaffale, cinque caramelle) e incoraggiare i bambini a dare loro stessi una quantità a piccoli gruppi di cose. Questi semplici giochi con la matematica  rappresenterebbero il fondamento per lo sviluppo di più complesse abilità numeriche.

La matematica non è come l’arte

Questo studio contraddice quello di cui molti sono convinti, e cioè che la matematica sia come l’arte: ci si è portati oppure no. In realtà la ragione per la quale molti hanno problemi con questa disciplina è che ha a che fare col pensiero logico-astratto. Inoltre, molti sistemi scolastici sono stati basati in passato sulla trasmissione di regole, aspetti formali, enunciati che favoriscono l’automatismo e non stimolano il ragionamento.

 

 

 
 
 

In breve

PERCHE’ PER MOLTI LA MATEMATICA È COSI’ DIFFICILE?

La mancanza di abilità matematiche potrebbe dipendere anche dal fatto che le nuove generazioni hanno la possibilità di accedere a strumenti che risolvono problemi al posto loro: dalle app ai navigatori satellitari. E sono sovraesposti a un eccesso di stimoli sensoriali che non favoriscono il pensiero astratto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti