I bambini non sono più capaci di scrivere per colpa dei tablet?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/01/2014 Aggiornato il 29/01/2014

Secondo gli esperti, usare in maniera eccessiva tablet e smartphone può rallentare lo sviluppo dei muscoli necessari per scrivere correttamente

I bambini non sono più capaci di scrivere per colpa dei tablet?

Non mettono a rischio solo la vista, la capacità di usare la fantasia e le relazioni sociali, magari creando dipendenza. I tablet e gli smartphone possono rallentare anche l’apprendimento della scrittura. È l’allarme lanciato da Lindsay Marzoli, terapista occupazionale del Learning and Therapy Corner in Maryland (Usa), ripreso sui media anglosassoni.

Un pericolo per mani e dita

L’esperta americana ha spiegato che l’uso eccessivo di tablet e telefonini mette a rischio le manine e le dita dei bambini. Infatti, può causare ritardi motori e debolezza muscolare in alcune aree del corpo. Difetti che possono permanere anche durante l’adolescenza. Ma non finisce qui. I bambini che fanno un utilizzo smodato della tecnologia dedicano sempre meno tempo alle attività più tradizionali. Non trascorrroro più ore e ore a disegnare sulla lavagna, a scarabocchiare con penne e matite colorate i fogli di carta, a riempire album da disegno. Questo non fa che peggiorare la debolezza muscolare. Il risultato? I bimbi, non solo sono meno abili nei giochi manuali e creativi, ma hanno anche i muscoli necessari a scrivere correttamente poco sviluppati.

Non più di due ore al giorno

È anche vero, però, che i tablet hanno alcuni vantaggi: per esempio, possono aiutare a risolvere il problema degli zaini troppo pesanti. Qual è allora il limite da non superare? Secondo l’American Academy of Paediatrics, mamma e papà non dovrebbero permettere ai bambini di usare questi strumenti per più due ore al giorno. Meglio, poi, che l’impiego avvenga sempre sotto la loro supervisione. Nei piccolissimi l’ideale è il divieto assoluto: tablet e smartphone non andrebbero assolutamente proposti prima dei due anni di età.

A rischio anche altre aree del corpo

Mani e dita, comunque, non sono le uniche aree del corpo messe a dura prova dai dispositivi tecnologici. I tablet rappresentano un nemico anche di schiena e collo. Infatti, spesso, i bimbi li mettono sulle gambe, costringendo la colonna ad assumere una posizione innaturale.

 

In breve

LA SCRITTURA È ESSENZIALE

I tablet possono finire con il sostituire un’attività essenziale nella prima infanzia: scarabocchiare con i colori. Per i bimbi si tratta di un modo molto efficace per affinare le abilità manuali e iniziare a utilizzare certe funzioni. Scarabbochiando sul foglio, si allenano, apprendono il senso spazio-temporale, arricchiscono la propria fantasia, esprimono e raccontano ciò che sentono dentro di sé.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti