I bambini non sono più capaci di scrivere per colpa dei tablet?

Secondo gli esperti, usare in maniera eccessiva tablet e smartphone può rallentare lo sviluppo dei muscoli necessari per scrivere correttamente

I bambini non sono più capaci di scrivere per colpa dei tablet?

Non mettono a rischio solo la vista, la capacità di usare la fantasia e le relazioni sociali, magari creando dipendenza. I tablet e gli smartphone possono rallentare anche l’apprendimento della scrittura. È l’allarme lanciato da Lindsay Marzoli, terapista occupazionale del Learning and Therapy Corner in Maryland (Usa), ripreso sui media anglosassoni.

Un pericolo per mani e dita

L’esperta americana ha spiegato che l’uso eccessivo di tablet e telefonini mette a rischio le manine e le dita dei bambini. Infatti, può causare ritardi motori e debolezza muscolare in alcune aree del corpo. Difetti che possono permanere anche durante l’adolescenza. Ma non finisce qui. I bambini che fanno un utilizzo smodato della tecnologia dedicano sempre meno tempo alle attività più tradizionali. Non trascorrroro più ore e ore a disegnare sulla lavagna, a scarabocchiare con penne e matite colorate i fogli di carta, a riempire album da disegno. Questo non fa che peggiorare la debolezza muscolare. Il risultato? I bimbi, non solo sono meno abili nei giochi manuali e creativi, ma hanno anche i muscoli necessari a scrivere correttamente poco sviluppati.

Non più di due ore al giorno

È anche vero, però, che i tablet hanno alcuni vantaggi: per esempio, possono aiutare a risolvere il problema degli zaini troppo pesanti. Qual è allora il limite da non superare? Secondo l’American Academy of Paediatrics, mamma e papà non dovrebbero permettere ai bambini di usare questi strumenti per più due ore al giorno. Meglio, poi, che l’impiego avvenga sempre sotto la loro supervisione. Nei piccolissimi l’ideale è il divieto assoluto: tablet e smartphone non andrebbero assolutamente proposti prima dei due anni di età.

A rischio anche altre aree del corpo

Mani e dita, comunque, non sono le uniche aree del corpo messe a dura prova dai dispositivi tecnologici. I tablet rappresentano un nemico anche di schiena e collo. Infatti, spesso, i bimbi li mettono sulle gambe, costringendo la colonna ad assumere una posizione innaturale.

 

In breve

LA SCRITTURA È ESSENZIALE

I tablet possono finire con il sostituire un’attività essenziale nella prima infanzia: scarabocchiare con i colori. Per i bimbi si tratta di un modo molto efficace per affinare le abilità manuali e iniziare a utilizzare certe funzioni. Scarabbochiando sul foglio, si allenano, apprendono il senso spazio-temporale, arricchiscono la propria fantasia, esprimono e raccontano ciò che sentono dentro di sé.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti