I contagi da coronavirus tra i bambini sono aumentati di sette volte

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 24/09/2020 Aggiornato il 24/09/2020

Secondo i dati del sistema di sorveglianza dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), i contagi di coronavirus tra i bambini al di sotto dei 4 anni d’età sono aumentati in maniera esponenziale. Ecco perché

I contagi da coronavirus tra i bambini sono aumentati di sette volte

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha reso noto che la pandemia di Covid-19 interessa sempre più anche le fasce più giovani della popolazione: i dati pubblicati, attraverso il sistema di sorveglianza globale per l’analisi dei contagi da coronavirus in base al sesso e all’età, mostrano un trend in decisa crescita tra i bambini.

Il virus colpisce anche i più piccoli

La fascia d’età tra i 25 e i 64 anni resta rappresenta sempre la maggioranza (64 per cento) dei casi di Covid-19, ma aumentano di ben 7 volte i casi di contagio da coronavirus tra i bambini fino a 4 anni d’età e di 6 volte nella fascia 5-24 anni. Secondo gli ultimi dati, i casi di coronavirus nel mondo sono suddivisi nell’1,2 per cento tra neonati e bambini piccoli da 0 a 4 anni; nel 2,5 per cento dei casi nei bambini dai 5 ai 14 anni; nel 9,6 per cento dei casi negli adolescenti e nei giovani adulti dai 15 ai 24 anni; nel 64 per cento dei casi negli adulti dai 25 ai 64 anni; nel 19,4 per cento dei casi negli adulti di età compresa tra 65 e 84 anni; infine nel 3,4 per cento dei casi in persone di età pari o superiore a 85 anni.

Le possibili cause

L’aumento dei casi di Covid-19 fra i più giovani, in particolare bambini, secondo l’Oms può essere dovuto a una serie di cause, come il fatto che all’inizio tamponi e test erano concentrati fra le persone con sintomi più rilevanti, quindi fra gli anziani, mentre oggi c’è una maggiore attenzione a scovare anche i casi più lievi, con scarsi sintomi, la maggior parte dei quali tendono a rivelarsi nelle persone giovani. Inoltre, c’è una maggiore disponibilità di tamponi e test più diffusi; lo scoppio di focolai in Paesi con profili di età più giovane e l’aumento di comportamenti a rischio dopo l’allentamento delle misure anti-Covid, ovvero il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Negli ultimi giorni in Italia sono state consegnate decine di milioni di mascherine per gli studenti che hanno ricominciato ad andare a scuola: le Linee guida prevedono, infatti, che debbano essere sempre indossate quando non si è seduti al banco e anche al banco se manca in distanziamento di un metro.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti