Il bambino ha preso il mollusco contagioso: che cosa fare ora?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/07/2013 Aggiornato il 09/07/2013

Che cosa fare contro il mollusco contagioso? Ecco i consigli dei dermatologi per combattere un’infezione della pelle molto fastidiosa per i piccoli

Il bambino ha preso il mollusco contagioso: che cosa fare ora?

Non è pericoloso per la salute del piccolo ma è certamente un fastidioso disturbo della pelle che si presenta più spesso durante l’estate ed è frequente tra i bambini in età prescolare. Stiamo parlando del mollusco contagioso, una infezione cutanea. Ecco come può essere curata.

Come intervenire

Non esiste una cura specifica per il mollusco contagioso e i tempi di guarigione dipendono molto dalle difese immunitarie del bambino. Secondo i dermatologi, affinché la malattia si risolva spontaneamente possono servire da alcuni mesi a tre anni. Per favorire la guarigione e per arginare la diffusione delle lesioni, è però possibile sottoporre il piccolo a un intervento di rimozione meccanica delle papule.

L’operazione chirurgica

L’operazione è indolore e viene eseguita con uno strumento chirurgico (la forma è simile a un cucchiaio), dopo aver applicato una crema anestetica sulla cute.  Il ricorso all’anestesia totale è riservato a casi molto rari, in cui le lesioni da togliere siano particolarmente numerose o interessino zone molto delicate (come le palpebre).

C’è il pericolo di recidive

Finché il virus del mollusco contagioso è attivo, le recidive sono frequenti: possono quindi rendersi necessari più interventi. Una volta vinta la malattia, però, il bambino è protetto da possibili reinfezioni future.
 

Come avviene il contagio

Spesso la propagazione delle lesioni provocate dal mollusco contagioso avviene per “autoinoculazione”: il bimbo cioè, toccandole con le manine, può diffondere il virus in altre parti del corpo, tanto che le papule possono moltiplicarsi fino a diventare un centinaio.

In spiaggia o in piscina

La trasmissione avviene, dunque, per contatto; perciò le situazioni che favoriscono il contagio sono quelle in cui i bimbi si trovano a giocare insieme poco vestiti, come accade in piscina o in spiaggia. Più raramente, invece, il contagio avviene tramite oggetti: per esempio, se il bambino usa l’asciugamano di un compagno che ha contratto la malattia.

In breve

NON È PERICOLOSO PER LA SALUTE

Il mollusco contagioso non è una malattia pericolosa per la salute, ma ha un’unica complicanza: le lesioni si possono infettare. Il medico a questo punto valuterà l’opportunità di un trattamento a base di antibiotici topici.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti