La carie nei bambini si combatte con il dentifricio (al fluoro)

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/02/2014 Aggiornato il 26/02/2014

I dentisti appoggiano le nuove linee guida per il benessere dei denti dei bimbi: sì al fluoro nel dentifricio, e non in gocce, per prevenire la carie

La carie nei bambini si combatte con il dentifricio (al fluoro)

Come prevenire le carie tra i bambini? Secondo i dentisti l’unico fluoro utile è quello che arriva a contatto con la superficie dei denti, quindi attraverso il dentifricio e lo spazzolino. La Società italiana di odontoiatria infantile appoggia, dunque, le nuove linee guida per la promozione della salute orale nell’età evolutiva circa l’impiego del fluoro topico e non sitemico (in gocce). La carie, che colpisce circa 360mila bambini, può essere combattuta non soltanto attraverso la prevenzione fin dai 3 anni (senza aspettare la caduta dei denti da latte), ma anche attraverso l’uso del fluoro nel dentifricio.

Allarme carie tra i bambini

I dati parlano chiaro: il 21,6% dei bimbi italiani di 4 anni e il 43,1% di quelli di 12 anni hanno le carie, “una diffusione ragguardevole, anche se sostanzialmente in linea con i traguardi dell’Oms”, si legge nel testo pubblicato dal ministero della Salute. In pratica, calcolano gli esperti, solo in queste due fasce d’età, 360 mila bambini italiani fanno i conti con almeno una carie.

Il fluoro del dentifricio è un alleato prezioso

Per la prevenzione delle carie nei bambini basta il fluoro contenuto nel dentifricio; mentre non serve la somministrazione del fluoro in gocce, come si è ritenuto per anni. È quanto viene sostenuto anche nelle nuove Linee guida. Spiega il dottor Giuseppe Marzo, presidente della Società italiana di odontoiatria infantile (Sioi): “Le nuove linee guida privilegiano l’impiego topico del fluoro, ovvero spazzolino e dentifricio, rispetto alla somministrazione sistemica, per intenderci quella in gocce o pasticche. È un cambiamento nella strategia di prevenzione della carie e nella somministrazione del fluoro e centrano il nostro obiettivo, che è quello di allinearsi allo standard d’eccellenza dei Paesi scientificamente più avanzati: le evidenze scientifiche hanno, infatti, dimostrato che l’unico fluoro utile è quello che arriva a contatto con la superficie dei denti”. 

In breve

QUALE FLUORO PER I PICCOLI?

Secondo le nuove Linee guida, le concentrazioni di fluoro per uso topico devono essere variabili e rapportate all’età e alla suscettibilità alla carie del singolo bambino. “I piccoli di solito ingoiano il dentifricio – dice Giuseppe Marzo -: è, quindi, importante per la loro salute che essi utilizzino un prodotto a basso contenuto di fluoro”. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti