La carie nei bambini si combatte con il dentifricio (al fluoro)

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/02/2014 Aggiornato il 26/02/2014

I dentisti appoggiano le nuove linee guida per il benessere dei denti dei bimbi: sì al fluoro nel dentifricio, e non in gocce, per prevenire la carie

La carie nei bambini si combatte con il dentifricio (al fluoro)

Come prevenire le carie tra i bambini? Secondo i dentisti l’unico fluoro utile è quello che arriva a contatto con la superficie dei denti, quindi attraverso il dentifricio e lo spazzolino. La Società italiana di odontoiatria infantile appoggia, dunque, le nuove linee guida per la promozione della salute orale nell’età evolutiva circa l’impiego del fluoro topico e non sitemico (in gocce). La carie, che colpisce circa 360mila bambini, può essere combattuta non soltanto attraverso la prevenzione fin dai 3 anni (senza aspettare la caduta dei denti da latte), ma anche attraverso l’uso del fluoro nel dentifricio.

Allarme carie tra i bambini

I dati parlano chiaro: il 21,6% dei bimbi italiani di 4 anni e il 43,1% di quelli di 12 anni hanno le carie, “una diffusione ragguardevole, anche se sostanzialmente in linea con i traguardi dell’Oms”, si legge nel testo pubblicato dal ministero della Salute. In pratica, calcolano gli esperti, solo in queste due fasce d’età, 360 mila bambini italiani fanno i conti con almeno una carie.

Il fluoro del dentifricio è un alleato prezioso

Per la prevenzione delle carie nei bambini basta il fluoro contenuto nel dentifricio; mentre non serve la somministrazione del fluoro in gocce, come si è ritenuto per anni. È quanto viene sostenuto anche nelle nuove Linee guida. Spiega il dottor Giuseppe Marzo, presidente della Società italiana di odontoiatria infantile (Sioi): “Le nuove linee guida privilegiano l’impiego topico del fluoro, ovvero spazzolino e dentifricio, rispetto alla somministrazione sistemica, per intenderci quella in gocce o pasticche. È un cambiamento nella strategia di prevenzione della carie e nella somministrazione del fluoro e centrano il nostro obiettivo, che è quello di allinearsi allo standard d’eccellenza dei Paesi scientificamente più avanzati: le evidenze scientifiche hanno, infatti, dimostrato che l’unico fluoro utile è quello che arriva a contatto con la superficie dei denti”.

In breve

QUALE FLUORO PER I PICCOLI?

Secondo le nuove Linee guida, le concentrazioni di fluoro per uso topico devono essere variabili e rapportate all’età e alla suscettibilità alla carie del singolo bambino. “I piccoli di solito ingoiano il dentifricio – dice Giuseppe Marzo -: è, quindi, importante per la loro salute che essi utilizzino un prodotto a basso contenuto di fluoro”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti