Lotta alla carie fin da piccolissimi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/09/2015 Aggiornato il 14/09/2015

La carie aumenta nei bambini in modo proporzionale agli errori alimentari e igienici e alla scarsità di controlli. I consigli degli esperti

Lotta alla carie fin da piccolissimi

Cosa causa la carie nei bambini? Cattive abitudini alimentari, scarsa igiene orale, mancanza di controlli e cure dentistiche appropriate. Per questi motivi, negli ultimi 5 anni, la carie nei bambini è aumentata di circa il 15%. È l’allarme della Sioi, Società italiana odontoiatria infantile, che sottolinea un altro dato allarmante, cioè l’aumento delle carie anche nei ragazzi e negli adulti.

Anche altri problemi

Ma la carie non è l’unica minaccia al sorriso di bambini e adolescenti. Un bambino su 5 sviluppa lesioni traumatiche dei denti permanenti prima di finire la scuola primaria e il 40% circa dei bambini soffre di demineralizzazione dei denti.

Attenzione alle conseguenze

Questi disturbi possono avere conseguenze serie se non diagnosticati e curati per tempo, ma spesso lo specialista vede il bambino solo dopo mesi o anni dai primi sintomi. Secondo i dati presentati da Andi (Associazione nazionale dentisti italiani), il 76% circa dei piccoli italiani tra i 3 e i 5 anni non è mai andato dal dentista, così come il 35% di quelli tra i 6 e i 10 anni e il 20% di quelli di 11-13. Secondo l’Istat, nel 2013 il 12% degli italiani non si è potuto curare i denti per motivi economici.

Non va sottovalutata

Molti genitori sottovalutano i disturbi legati ai denti da latte, pensando che si risolvano da soli spuntano i denti permanenti. Invece, un dente da latte rovinato crea un ambiente orale infetto con germi che possono contribuire alla carie, sia in quelli che stanno accanto al dente da latte, sia a distanza, in quanto la saliva veicola l’infezione, e può colpire anche quelli permanenti.

Pulizia innanzitutto

La prevenzione resta fondamentale per evitare cosa causa la carie nei bambini. Gli esperti ricordano di lavare i denti dopo ogni pasto. L’ultimo lavaggio prima di andare a dormire è il più importante perché di notte i denti possono essere attaccati dai batteri con più facilità. Evitare i fuori pasto e non eccedere con succhi di frutta, caramelle, gelati che facilitano la formazione della placca, annullando l’azione dello spazzolino.

No alle cattive abitudini

No ai biberon prima della nanna e al ciuccio immerso in miele o zucchero. Per alleviare il fastidio dovuto all’eruzione dei denti da latte si possono utilizzare giochini contenenti liquido refrigerante, biscotti che favoriscono il massaggio gengivale o pomate a base di timo, calendula, malva e camomilla. E se un dente si caria, subito dal dentista!

 

 

 

da sapere!

LE INIZIATIVE SALVA-DENTI

 Diverse le iniziative previste dalla Sioi, tra cui il Dental Baby Day, giornata di sensibilizzazione rivolta alle famiglie, e la collaborazione con Save The Children, per promuovere nella popolazione un corretto approccio alla igiene orale e alla prevenzione in ambito odontoiatrico.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti