Lotta alla carie fin da piccolissimi

La carie aumenta nei bambini in modo proporzionale agli errori alimentari e igienici e alla scarsità di controlli. I consigli degli esperti

Lotta alla carie fin da piccolissimi

Cosa causa la carie nei bambini? Cattive abitudini alimentari, scarsa igiene orale, mancanza di controlli e cure dentistiche appropriate. Per questi motivi, negli ultimi 5 anni, la carie nei bambini è aumentata di circa il 15%. È l’allarme della Sioi, Società italiana odontoiatria infantile, che sottolinea un altro dato allarmante, cioè l’aumento delle carie anche nei ragazzi e negli adulti.

Anche altri problemi

Ma la carie non è l’unica minaccia al sorriso di bambini e adolescenti. Un bambino su 5 sviluppa lesioni traumatiche dei denti permanenti prima di finire la scuola primaria e il 40% circa dei bambini soffre di demineralizzazione dei denti.

Attenzione alle conseguenze

Questi disturbi possono avere conseguenze serie se non diagnosticati e curati per tempo, ma spesso lo specialista vede il bambino solo dopo mesi o anni dai primi sintomi. Secondo i dati presentati da Andi (Associazione nazionale dentisti italiani), il 76% circa dei piccoli italiani tra i 3 e i 5 anni non è mai andato dal dentista, così come il 35% di quelli tra i 6 e i 10 anni e il 20% di quelli di 11-13. Secondo l’Istat, nel 2013 il 12% degli italiani non si è potuto curare i denti per motivi economici

Non va sottovalutata

Molti genitori sottovalutano i disturbi legati ai denti da latte, pensando che si risolvano da soli spuntano i denti permanenti. Invece, un dente da latte rovinato crea un ambiente orale infetto con germi che possono contribuire alla carie, sia in quelli che stanno accanto al dente da latte, sia a distanza, in quanto la saliva veicola l’infezione, e può colpire anche quelli permanenti.

Pulizia innanzitutto

La prevenzione resta fondamentale per evitare cosa causa la carie nei bambini. Gli esperti ricordano di lavare i denti dopo ogni pasto. L’ultimo lavaggio prima di andare a dormire è il più importante perché di notte i denti possono essere attaccati dai batteri con più facilità. Evitare i fuori pasto e non eccedere con succhi di frutta, caramelle, gelati che facilitano la formazione della placca, annullando l’azione dello spazzolino.

No alle cattive abitudini

No ai biberon prima della nanna e al ciuccio immerso in miele o zucchero. Per alleviare il fastidio dovuto all’eruzione dei denti da latte si possono utilizzare giochini contenenti liquido refrigerante, biscotti che favoriscono il massaggio gengivale o pomate a base di timo, calendula, malva e camomilla. E se un dente si caria, subito dal dentista! 

 

 

 

 
 
 

da sapere!

LE INIZIATIVE SALVA-DENTI

 Diverse le iniziative previste dalla Sioi, tra cui il Dental Baby Day, giornata di sensibilizzazione rivolta alle famiglie, e la collaborazione con Save The Children, per promuovere nella popolazione un corretto approccio alla igiene orale e alla prevenzione in ambito odontoiatrico.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti