Manine pulite per i bambini italiani…

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/10/2012 Aggiornato il 15/10/2012

… ma tutti i genitori sanno quanti rischi si corrono se l’igiene delle mani dei loro bambini non è corretta? Lo rivela un’indagine promossa da Crescere Protetti in occasione della "Giornata Mondiale della pulizia delle mani"  

Manine pulite per i bambini italiani...

Un gesto di protezione verso i propri figli legato più all’istinto materno che alla consapevolezza dei rischi da cui è possibile preservarli: è quello che compiono ogni giorno le mamme italiane lavando le mani dei propri bambini o insegnando loro a farlo. È questo il dato più significativo, e quasi paradossale, che emerge dai risultati dell’indagine Manine pulite promossa da Crescere Protetti, la campagna educazionale sostenuta da Napisan e sviluppata con la consulenza scientifica della SIP (Società Italiana di Pediatria). Al questionario, realizzato in occasione della “Giornata Mondiale per la pulizia delle mani” – Global Handwashing Day, celebrata il 15 ottobre di ogni anno dall’Unicef, hanno risposto in pochi giorni oltre mille mamme da tutta Italia, prevalentemente con figli da 0 a 3 anni (52%). Segno di una grande attenzione verso una pratica semplice che ha però importanti ripercussioni sulla salute dei propri bambini e sulla salute pubblica in generale. 
Proprio le implicazioni che una scarsa pulizia delle mani comporta in termini di salute sono le meno conosciute da parte delle mamme: solo il 39% di loro è consapevole del fatto che diarrea, infezioni ospedaliere, influenza e patologie respiratorie acute quali la polmonite sono patologie correlate al non corretto lavaggio delle mani, mentre una percentuale significativa (8%) è addirittura convinta che non vi siano legami tra un corretto lavaggio delle mani e le malattie citate in precedenza. Tutto ciò non incide però sulla profonda convinzione dell’importanza di un gesto che, da sempre, è uno dei primi che una madre insegna al proprio figlio.

In breve

Una corretta igiene per evitare malattie

Dall’influenza a patologie respiratorie ai problemi intestinali… sono diversi i malanni che possono colpire un bambino se in famiglia non gli si insegna a lavare con cura le mani.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti