Maschere beauty a 3 anni: pelle a rischio

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 15/01/2019 Aggiornato il 15/01/2019

La pelle dei bambini è ancora immatura dal punto di vista immunitario, ossia non ha le capacità per potersi difendere. Ecco perché le maschere beauty a 3 anni sono da evitare

Maschere beauty a 3 anni: pelle a rischio

Le creme e le maschere di bellezza e, più in generale, tutti i prodotti cosmetici utilizzati sui bambini “sono veramente una cattiveria”, oltre che “un attentato alla salute”. Non usa mezzi termini Pucci Romano, dermatologa e presidente Skineco, l’associazione internazionale di dermatologia ecologica, nel commentare la produzione e la vendita di cosmetici per i bimbi, tra cui le maschere beauty per bimbe di soli tre anni, presentate recentemente alla fiera Cosmoprof Asia tenutasi a Hong Kong: prodotti di bellezza come maschere e BB cream ideate appositamente per i bambini, ribadisce, “sono quasi ai limiti della legalità”.

Dermocompatibilità sconosciuta

I danni alla pelle che possono derivare dall’utilizzo di maschere beauty a tre anni possono essere anche molto gravi. Tanto per iniziare, spiega l’esperta, “si tratta di cosmetici la cui dermocompatibilità non può essere provata perché la legge vieta espressamente questo tipo di test sui bambini. Questi ultimi sono quindi, per definizione, a rischio”.

La pelle dei bimbi è immatura

C’è poi da sapere che “la pelle di un bambino prima dei 4-5 anni è immatura dal punto di vista immunologico, ovvero non ha le capacità immunitarie per potersi difendere: non ha il supporto delle ghiandole sebacee che iniziano a funzionare solo con la pubertà, poiché sono ormonodipendenti; ha un film idrolipidico non perfettamente definito e un’attività metabolica non completamente stabilita”.

Prodotti non in vendita in Italia

Va precisato che le maschere beauty per le bambine per il momento non sono in vendita in Italia dove la normativa, come in tutta Europa, è molto rigorosa. “Proprio perché la pelle dei bambini non ha le capacità immunitarie per potersi difendere, l’attenzione deve essere ancor più alta rispetto a quella riservata alla pelle di un adulto”.

 

 

Da sapere!

La pelle dei bimbi ha davvero bisogno di pochissimo: basta pensare che le Linee guida per la dermatite atopica sconsigliano l’uso di prodotti emollienti proprio per evitare interferenze e reazioni allergiche.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti