Non dorme: la colpa è dei genitori?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 25/03/2015 Aggiornato il 25/03/2015

Fatica a prendere sonno, risvegli frequenti, riposo agitato spesso dipendono da cattive abitudini di vita dei bambini. I pediatri propongono la regola dei 5 sensi

Non dorme: la colpa è dei genitori?

I bambini italiani dormono poco e male. L’allarme è stato lanciato dall’Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza. E in oltre 8 casi su 10 la colpa dell’insonnia dei bimbi è dei genitori, che trasmettono stimoli eccessivi e cattive abitudini.

Tante cause

Il sonno disturbato, che a differenza dell’insonnia non è una vera malattia, comprende: la difficoltà ad addormentarsi, i risvegli frequenti, la faticosa ripresa del sonno ed eventuali manifestazioni di disagio emotivo: pianto, agitazione, inconsolabilità. La causa può essere un disturbo fisico (i più frequenti sono: reflusso gastro-esofageo, otite media, asma, dermatite atopica, la presenza di stimoli eccessivi (luci, suoni, rumori, persone) o le cattive abitudini trasmesse dagli adulti.

I consigli dei pediatri

Proprio per favorire il sonno dei bambini, i pediatri della Sipps hanno elaborato “la regola dei 5 sensi”.

La vista

È bene spegnere tablet, tv e computer almeno un’ora prima di andare a letto. La luce dei dispositivi elettronici altera la produzione di melatonina, l’ormone che favorisce il riposo.

Il gusto

Una cena pesante e ricca di grassi, consumata tardi, ostacola il riposo. Sì, invece, ad alimenti che contengono triptofano, un mediatore che stimola la produzione di serotonina importante per il relax: quindi, pollo e tacchino, uova, pesce. Anche il latte è ricco di questa sostanza.

Il tatto

È consigliabile mantenere una temperatura fresca nella camera del bambino, attorno ai 18-19 gradi: troppo caldo altera la termoregolazione e impedisce un buon riposo. Il pigiama () deve essere in cotone traspirante e non troppo pesante.

L’olfatto

Lenzuola di cotone fresche e cambiate di frequente favoriscono il riposo, soprattutto se odorano di lavanda, fragranza che riduce la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa.

L’udito

Almeno 30 minuti prima di mettere a letto i bimbi, occorre abbassare il volume della tv. È consentita una musica rilassante di sottofondo.

 

 

In breve

Sì al rituale della buona notte

È fondamentale stabilire una routine piacevole associata alla nanna. Per esempio: cena, bagnetto e nanna. Possono aiutare uno o più oggetti (peluche, ciuccio), riservati solo al momento della buonanotte, o la lettura di una fiaba () da parte della mamma o del papà.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti