Obesità infantile già dai quattro anni aumenta il rischio ipertensione

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 19/11/2019 Aggiornato il 19/11/2019

Già nei bambini di quattro anni l’obesità infantile raddoppia le probabilità di ipertensione entro i sei anni, aumentando il rischio futuro di ictus e infarto. I primi rimedi? Dieta sana e attività fisica

Obesità infantile già dai quattro anni aumenta il rischio ipertensione

Il problema obesità infantile è sempre più diffuso nei Paesi industrializzati. Secondo l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) è una delle sfide più importanti che la sanità pubblica dovrà fronteggiare nei prossimi anni. Già dai quattro anni, rispetto a un bambino normopeso, l’obesità infantile porta a probabilità raddoppiate di andare incontro a ipertensione entro i sei anni, con un aumento anche circa i rischi di futuri ictus e infarto.

Dieta sana e movimento

È quanto emerso da uno studio dell’European Society of Cardiology e pubblicato da European Journal of Preventive Cardiology. Come sottolineato dal dottor Iñaki Galán dell’Istituto di salute Carlos III di Madrid, ritenere i chili di troppo dei bambini ininfluenti per il loro sviluppo è un concetto errato e, nella maggior parte dei casi, porta i genitori a non curarsi di quello che, invece, che devono invece migliorare la dieta dei propri figli e spingerli a praticare attività fisica.

Un problema mondiale

A livello mondiale il numero di bambini sotto i cinque anni con problemi di obesità supera i 41 milioni, con casi in aumento anche in Italia. Un dato che non deve lasciare indifferenti e che ha portato i ricercatori a valutare le conseguenze del sovrappeso infantile. Lo studio ha preso in esame per due anni le abitudini e lo stato di forma di 1.796 bambini di quattro anni. Le ricerche si sono concentrate su pressione sanguigna, indice di massa corporea e la circonferenza vita.

Risultati chiari

Al termine dello studio, i dati hanno evidenziato – senza distinzione di sesso o stato socioeconomico – come i bambini con peso in eccesso, nuovo o persistente, hanno rispettivamente un rischio ipertensione di 2,49 e 2,54 volte superiore rispetto ai piccoli normopeso. Valori che crescono a 2,81 e 3,42 rispettivamente nei casi di obesità addominale nuova o persistente. Di contro, i bambini che hanno perso peso non hanno visto un aumento del rischio di ipertensione. I risultati mostrano, in ogni caso, come si possa intervenire per azzerare i rischi: i bambini che sono tornati a un peso normale hanno, infatti, riacquistato sani livelli di pressione del sangue.

Fondamentale il buon esempio

È chiaro dunque come il modo migliore per ridurre i rischi dei nostri bambini sia fargli perdere i chili in eccesso attraverso una sana attività fisica e una dieta corretta. Le due figure centrali in questo percorso sono i genitori e la scuola. Quest’ultima, in particolare, deve prevedere almeno quattro ore settimanali di ginnastica, menù e spuntini nutrizionalmente bilanciati e attività di gioco e sport dopo le lezioni. Il ruolo di terzo soggetto chiave spetta ai pediatri che, grazie a questo studio, devono rendersi conto di come l’idea che i problemi legati al sovrappeso inizino a palesarsi nell’adolescenza sia errata. Contro l obesità occorre iniziare a lavorare fin dall’infanzia per scongiurare quanto prima danni sulla pressione sanguigna.

 

 

Da sapere!

Prima di affrontare la gravidanza è bene perdere i chili in eccesso. Inoltre, meglio evitare di ingrassare e smettere assolutamente di fumare durante la gestazione, poiché questi sono tutti fattori di rischio per l’obesità infantile.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti