Cosa succede se non si cura l’occhio pigro nei bambini?

Chiara Di Paola A cura di Chiara Di Paola Pubblicato il 16/12/2022 Aggiornato il 16/12/2022

L’occhio pigro, che in termini medici si definisce ambliopia, può essere facilmente corretto nei primi anni di vita del bambino. Se trascurato rischia, invece, di cronicizzarsi e di interferire con la capacità di lettura e apprendimento del bambino

Bambino con occhio pigro ha occhiali e occhio bendato

L’ambliopia è un disturbo che interessa circa due bambini su 100 tra i sei mesi e l’età scolare (spesso compare già prima dei due anni). Nella sua forma più frequente (monolaterale) è nota anche come occhio pigro perché a causa di questo difetto visivo un occhio “vede meno” dell’altro. Questo interferisce con l’attività del cervello, che è naturalmente portato a elaborare soprattutto le immagini ricevute dall’occhio con maggiore “acutezza visiva” e a trascurare quelle provenienti dall’altro. Più raramente questa riduzione della capacità visiva riguarda entrambi gli occhi.

Perché si nasce con l’occhio pigro?

L’ambliopia può dipendere a sua volta da altri difetti della vista o di rifrazione (come miopia, ipermetropia, astigmatismo) che possono interessare gli occhi in modo asimmetrico, da patologie oculari (cataratta congenita, opacità corneale), da alterazioni della motilità oculare (come lo strabismo) o patologie palpebrali (come ptosi o palpebre cadenti) che possono verificarsi durante lo sviluppo dell’apparato visivo e alterare la corretta stimolazione sensoriale degli occhi, anche senza comprometterne l’integrità anatomica.  L’ambliopia si manifesta generalmente tra la nascita e gli 8-9 anni di vita del bambino, cioè durante la fase di sviluppo della vista e delle strutture nervose deputate all’elaborazione degli stimoli visivi. A differenza di quanto accade per altri difetti della vista, in genere l’ambliopia non ha sintomi evidenti, se non quando si associa a strabismo, a ptosi (abbassamento della palpebra) o alla tendenza del bambino a tenere la testa in posizioni innaturali per favorire la messa a fuoco.

Come si scopre l’occhio pigro?

Dal momento che l’ambliopia può dipendere da altri difetti visivi, è importante per i genitori prestare attenzione ad alcuni indizi che aiutino a riconoscerli (soprattutto quando il bambino è ancora troppo piccolo per riuscire a comunicare a parole il suo disagio).  Ecco a che cosa fare attenzione:

  • strizza gli occhi di frequente,
  • reclina troppo la testa o avvicina gli occhi al foglio mentre fa i compiti o disegna (se più grandicello),
  • si mostra infastidito dalla luce,
  • non ha gli occhi perfettamente in asse.

In tutti questi casi potrebbe esserci qualcosa non va ed è meglio rivolgersi all’oculista per un controllo.

 Importante la diagnosi precoce
Se intercettata presto l’ambliopia può essere facilmente corretta (con possibilità di successo pressoché completo entro i primi 5-6 anni di vita), quando le strutture che mettono in comunicazione occhi e cervello sono ancora in fase di formazione. Al contrario, se viene trascurata tende a diventare definitiva e a permanere anche in età adulta. Per diagnosticare precocemente questo disturbo sono necessarie una visita oculistica e una valutazione ortottica con studio della motilità oculare. Esistono anche due esami mirati:

  • il test del riflesso rosso: di facile esecuzione, viene fatto al bambino dopo la nascita o nel primo anno di vita. Permette di verificare se le vie ottiche sono libere oppure no, individuando eventuali malattie come la cataratta congenita;
  • il test di Lang: viene eseguito dal pediatra solitamente attorno ai 2-3 anni di età del piccolo e permette di permette di valutare la capacità di visione binoculare o stereoscopica del piccolo. 

In ogni caso è bene sottoporre il bambino a una prima visita oculistica verso i 3 anni di età,  anticipando questa tappa già a un anno se esistono fattori (come la familiarità) che aumentano le probabilità che il piccolo sviluppi un difetto visivo.
 

Quanto tempo ci vuole per curare l’occhio pigro?

L’ambliopia non può essere migliorata solo tramite correzione ottica (cioè con dei semplici occhiali), ma necessita di un intervento su più fronti:
Correggere le cause
Il primo passo è intervenire sulle cause che stanno a monte dell’occhio pigro: nella maggior parte dei casi basta mettere degli occhiali al piccolo per correggere il difetto visivo; in caso di cataratta congenita, invece, può essere necessario un intervento chirurgico per liberare le vie ottiche. 
Rieducare il cervello
Oltre a correggere il difetto visivo occorre anche riabituare il cervello a “vedere” in modo simmetrico. Per farlo si usa un bendaggio (o un cerotto) che copre l’occhio “sano” per costringere il cervello a elaborare le immagini ricevute dall’altro occhio. Questo esercizio deve essere eseguito quotidianamente per un intervallo di tempo variabile dalle 2 alle 6 ore circa (a seconda della gravità dell’ambliopia, dell’età del bambino su indicazione dell’oculista) per il tempo necessario a evitare che, dopo i progressi iniziali, ci sia una regressione allo stato iniziale.
Terapia dicoptica
Questo trattamento consiste nel presentare immagini differenti per ciascun occhio separatamente, associandole a compiti di apprendimento o giochi. 
 Gli occhiali 3D
Secondo un recente studio della University of Texas Southwestern Medical Center, per aiutare a correggere l’ambliopia in modo efficace e divertente per i piccoli, può essere utile la visione con occhiali 3D di particolari film animati appositamente studiati, affinché le immagini proposte a ciascun occhio abbiano un diverso contrasto (più forte in quelle destinate all’occhio pigro) in modo da stimolare in modo differente le aree del cervello deputate a elaborarle.
Il vantaggio di questo tipo di trattamento consiste in un minore rischio che i piccoli pazienti si annoino e interrompano la terapia, ma non tutti sono d’accordo sull’efficacia di questo approccio anche per quanto riguarda gli effetti negativi dell’eccessiva permamenza dei piccoli di fronte a schermi tv e monitor.

 

 

 
 
 

In sintesi

Perché si mette la benda oculare per l’occhio pigro?

Coprendo l’occhio “sano” si stimola l’occhio pigro a lavorare e, così facendo, lo si aiuta a recuperare appieno la sua funzionalità. Se il bambino è abbastanza grande, si può spiegargli perché deve andare a scuola con un occhio “incerottato”, in modo che non si spaventi. Con i più piccoli si può invece puntare sull’aspetto ludico della situazione e trasformare il fastidio in un’occasione di gioco (magari “quello dei pirati”) che aiuti il bambino a rispettare la terapia per il tempo necessario.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti