3-5 anni

Il bambino dai 3 ai 5 anni attraversa una fase di crescita molto interessante. Anche se non ci sono tanti cambiamenti fisici, come invece avviene negli anni precedenti, lo sviluppo psicomotorio e l’acquisizione delle capacità sono straordinari. Impara a vestirsi da solo, a parlare in maniera sempre più complessa, a stringere amicizie e a capire il senso dei “no” dei genitori. Anche l’alimentazione impercettibilmente cambia, perché diventa sempre di più un “piccolo adulto” con i suoi gusti personali e con il rischio di errori alimentari cresce. Oltre alle classiche visite di controllo dal pediatra, può essere necessario anche far vedere il bambino dall’oculista, dall’otorino o dall’ortopedico. I disturbi di cui può soffrire il piccolo sono tanti: vanno dalla tonsillite e bronchite fino ai dolori della crescita o alle orecchie a sventola, per le quali, volendo, si può iniziare a fare qualcosa a livello di intervento chirurgico. Non mancano i problemi psicologici, come la timidezza o, più spesso di quanto si creda, la tentazione di compiere piccoli furti.
3 ANNI https://static.bimbisaniebelli.it/wp-content/uploads/2015/01/bambino-3-anni-640x320.jpg
Sviluppo psicomotorio Le sue capacità Alimentazione
 
Comportamento Salute e controlli Salute: i disturbi più comuni
4 ANNI https://static.bimbisaniebelli.it/wp-content/uploads/2015/01/bambino-4-anni-640x320.jpg
Sviluppo psicomotorio Le sue capacità Alimentazione
 
Comportamento Salute e controlli Salute: i disturbi più comuni
5 ANNI https://static.bimbisaniebelli.it/wp-content/uploads/2015/01/bambino-5-anni-640x320.jpg
Sviluppo psicomotorio Le sue capacità Alimentazione
 
Comportamento Salute e controlli Salute: i disturbi più comuni
Manine pulite per i bambini italiani…

Manine pulite per i bambini italiani…

… ma tutti i genitori sanno quanti rischi si corrono se l’igiene delle mani dei loro bambini non è corretta? Lo rivela un’indagine promossa da Crescere Protetti in occasione della "Giornata Mondiale della pulizia delle mani"    »

Che cos’è il bruxismo?

Il bruxismo ha spesso origini psicologiche: va curato perché può danneggiare i denti  »

Bambini sportivi: le attività indicate età per età

Bambini sportivi: le attività indicate età per età

Lo sport per i bambini fin dai primi anni di vita? Si può, ma sempre seguendo le indicazioni dei medici  »

Gelosia tra fratelli: quando a scatenarla è l’arrivo di un neonato

Gelosia tra fratelli: quando a scatenarla è l’arrivo di un neonato

L’arrivo di un altro bebè è un evento che fa sempre temere ai bambini più grandicelli di perdere l’affetto e le attenzioni dei genitori: nasce così la gelosia tra fratelli    »

Come prevenire e curare la cinetosi nei bambini

Come prevenire e curare la cinetosi nei bambini

Molti bambini tra i due e tre anni soffrono di mal d’auto definito anche cinetosi o malattia da movimento. La cinetosi nei bambini è una condizione piuttosto comune che si protrae fino all’adolescenza e spesso si attenua solo intorno ai vent’anni  »

Bambini e inquinamento: l’intervista al dottor Marziani

Bambini e inquinamento: l’intervista al dottor Marziani

Sono i bambini le principali vittime dell’inquinamento. Il pediatra spiega le conseguenze dello smog sulla salute e che cosa è possibile fare per limitare i danni  »

Inquinamento: come proteggere i bambini dallo smog

Inquinamento: come proteggere i bambini dallo smog

Traffico e inquinamento sono tra i principali responsabili delle malattie respiratorie dei bambini, soprattutto di quelli che vivono in città. Le precauzioni per limitare i danni  »

Pericoli domestici: dalle foglie ai detersivi, come proteggere il bambino

Pericoli domestici: dalle foglie ai detersivi, come proteggere il bambino

Quando il piccolo inizia a gattonare aumenta anche il rischio di pericoli domestici: attratto da ciò che lo circonda tocca e si porta alla bocca tutto…  »

Balbuzie infantile: perché il bimbo balbetta quando parla

Balbuzie infantile: perché il bimbo balbetta quando parla

La balbuzie infantile è un fenomeno piuttosto frequente e normale perciò entro certi limiti non deve allarmare. Quando, invece, può celare un problema più serio occorre rivolgersi allo specialista  »

Pagina 4 di 4