Perché è utile il fluoro per i denti del bebè?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/05/2013 Aggiornato il 09/05/2013

La cura del fluoro per i denti del bebè è importante perché la salute di quelli permanenti comincia fin dai primi mesi di vita: è per questo che gli specialisti consigliano l’integrazione di questo minerale

Perché è utile il fluoro per i denti del bebè?

Il fluoro è un minerale che svolge un ruolo fondamentale per la salute dei denti, in quanto rinforza la struttura dello smalto, lo strato più esterno dei denti, rendendolo più resistente agli attacchi dei batteri che si annidano in bocca e prevenendo la carie, l’erosione dello smalto. 

In natura in quantità modeste

Questo minerale è presente nell’acqua (anche se in percentuale variabile a seconda della regione in cui si vive) e in alcuni alimenti (come i frutti di mare e la carne), ma in quantità spesso modeste e quindi insufficienti ai fini della sua funzione preventiva. Oltretutto, talvolta (come nel caso dei frutti di mare) si tratta di cibi poco adatti all’alimentazione del bebè! Per tutti questi motivi già da diversi anni i pediatri consigliano la fluoroprofilassi, che consiste nell’assunzione di piccole quantità di fluoro attraverso un’integrazione (gocce, compresse o, quando il bambino è più grande, chewing gum).

Previene la carie

Sono ormai numerosi gli studi che evidenziano l’importanza della fluoroprofilassi, cioè dell’integrazione di piccole dosi di fluoro per i denti, in particolare per prevenire la carie (l’erosione dello smalto dei denti).

Si può assumere in due modi

L’assunzione del fluoro per i denti si può attuare in due modi:

– per via sistemica: in questo caso l’integrazione avviene attraverso l’utilizzo di compresse, gocce o, in alcuni Paesi (come per esempio gli Stati Uniti), attraverso la fluorizzazione delle acque potabili (in questo caso la fluoroprofilassi è estesa a tutta la popolazione);

– per via topica: l’integrazione di fluoro in questo caso è locale, cioè avviene attraverso il contatto dei denti con un dentifricio o un collutorio al fluoro.

Fino a quando continuare

La profilassi con il fluoro va proseguita almeno fino alla comparsa della dentatura definitiva: in questo modo, infatti, si ottiene una riduzione della carie del 50 per cento circa. Se poi si prosegue la fluoroprofilassi fino all’adolescenza, la riduzione della carie risulta pari al 60 per cento. Per salvaguardare la salute dei dentini però è  sempre molto importante una buona igiene orale quotidiana.

In breve

FARE LA CURA FINO AI DENTI PERMANENTI

L’integrazione di fluoro per i denti fin dall’età prenatale e proseguita poi dopo la nascita consente di proteggere i denti del piccolo dalla carie dentale. È consigliabile poi proseguire l’assunzione del minerale almeno fino alla comparsa della dentatura definitiva, accompagnando la cura a una corretta igiene orale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti