Raffreddore nei bambini: si cura e si previene con una corretta igiene del naso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/11/2012 Aggiornato il 29/11/2012

Il raffreddore nei bambini è un problema che non riguarda solo il nasino ma si estende anche alle alte vie aeree provocando al piccolo difficoltà di respirazione e dolore

Raffreddore nei bambini: si cura e si previene con una corretta igiene del naso

Il raffreddore nei bambini interessa non soltanto il naso, infiammandone le mucose, ma coinvolge anche le alte vie aeree (cioè la gola, le orecchie e i seni paranasali). I sintomi che lo caratterizzano sono naso chiuso e che cola (rinorrea), respirazione rumorosa, soprattutto di notte, abbassamento della voce, occhi rossi e lacrimazione. Il raffreddore nei bambini dura un po’ di più rispetto a quanto avviene negli adulti, cioè dai 3 ai 7 giorni; di solito, la febbre

dura meno di 3 giorni, l’ostruzione nasale e la rinorrea circa una settimana e la tosse se presente, anche 2 o 3 settimane.

Di origine virale

Può essere causato da diversi fattori, anche se i responsabili principali del raffreddore nei bambini sono i virus, in particolare il Rinovirus. Poiché ci sono più di 200 virus, se il piccolo frequenta luoghi come il nido, l’asilo o la piscina, corre il rischio di avere più episodi di raffreddore in un anno. Con l’età scolare, in genere, il bimbo si ammala meno.

Può complicarsi

A causa di germi e batteri presenti nel muco, possono determinarsi anche sovrainfezioni batteriche che possono dare origine a otite, congiuntivite con secrezione gialla dagli occhi, sinusite e polmonite, provocate in particolare da batteri quali lo Streptococco e lo Stafilococco. Si tratta di complicazioni dovute a un abbassamento temporaneo delle difese naturali dell’organismo.

La rinite allergica

Noto anche come raffreddore da fieno, la rinite allergica è provocata da pollini, polveri e acari della polvere (microscopici animaletti simili a ragnetti) che proliferano nell’ambiente caldo e umido. Si manifesta con scolo acquoso dal naso e prurito nasale. Questo tipo di raffreddore può essere persistente e, se dipende dagli acari, può durare anche tutto l’anno e degenerare in asma.

I farmaci per curarlo

Il raffreddore provocato da virus, di solito, si risolve da solo. Non c’è bisogno, quindi, di ricorrere ai farmaci (come antistaminici, antinfiammatori e antimucolitici), sia perché non si sono dimostrati efficaci contro il virus del raffreddore sia perché possono avere effetti collaterali nei bambini. Soltanto in caso di sovrainfezioni batteriche sono indicati farmaci prescritti dal pediatra.
anche se la febbre dovesse superare i 38° C, occorre rivolgersi al pediatra per farsi prescrivere farmaci antipiretici a base di paracetamolo.

La pulizia del nasino

Il naso libero è un’ottima garanzia contro raffreddori e malanni tipici dell’inverno. Il ristagno di muco nelle narici facilita la comparsa di infezioni in tutto l’apparato respiratorio come, per esempio, faringiti, bronchiti e otiti.
Per pulire in modo ottimale il nasino dei piccoli, occorre liberare il naso dalle secrezioni con gli appositi aspiratori per bambini piccoli e con corretti lavaggi nasali, introducendo la soluzione fisiologica o liquidi appositi.

In breve

Nei bimbi il raffreddore può complicarsi

Nei più piccoli il raffreddore non coinvolge solo il nasino ma interessa anche gola, orecchie e seni paranasali. Si caratterizza con naso chiuso e che cola, respirazione rumorosa, occhi rossi, lacrimazione e abbassamento della voce. Dura in media dai 3 ai 7 giorni, con febbre per meno di 3 giorni e tosse, se presente, che può proseguire anche per 2 settimane. Il raffreddore virale di norma si risolve da solo, anche se in alcuni casi può dar luogo a complicazioni come sovrainfezioni batteriche da valutare attentamente con il pediatra.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti