Se fa la pennichella sarà più intelligente

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/11/2013 Aggiornato il 05/11/2013

I bambini "svegli" sono quelli che dormono di più: la pennichella sviluppa l’intelligenza

Se fa la pennichella sarà più intelligente

Dormire fa bene, soprattutto ai bambini e ai neonati. In particolare la pennichella del pomeriggio non solo li tranquillizza, ma li rende anche più attivi e più intelligenti. Questo perché la pennichella favorisce le capacità di memoria e di apprendimento. Insomma, dormire al pomeriggio migliora le potenzialità del cervello dei bambini. Sono questi i risultati di una ricerca condotta all’University of Massachusetts Amherst, negli Usa, e pubblicata sulla rivista scientifica Pnas, dopo avere esaminato i comportamenti di 40 bambini dai 3 ai 5 anni, sottoponendoli a un particolare gioco di memoria. La conclusione non lascia dubbi: la pennichella dà loro molte opportunità di apprendimento e di conoscenza.

Che cosa accade quando si dorme

Durante il sonno i ricordi vengono “archiviati” in maniera tale che il cervello possa avervi accesso e ritrovarli facilmente. “La memoria a breve termine è appannaggio dell’ippocampo, ma il cervello lavora senza sosta per creare nuove “stanze” nelle quali conservare ricordi e sensazioni in modo da lasciarlo il più possibile libero di incamerarne altre” spiega la professoressa Rebecca Spencer, che ha coordinato la ricerca. I risultati dello studio hanno dimostrato che i bambini che facevano il sonnellino pomeridiano riuscivano a ricordare il 10% in più delle informazioni apprese rispetto ai coetanei che lo saltavano. Inoltre, i benefici proseguivano anche il giorno successivo. “Questi risultati dovrebbero indirizzare le maestre dell’asilo non solo a preservare il sonnellino pomeridiano ma addirittura a incentivarlo” conclude la professoressa Spencer.

In breve

4 REGOLE PER UN BUON SONNO

– Dedicare qualche minuto al relax prima di dormire;
– non andare a letto troppo tardi;
– non fare uso di stimolanti o bevande a base di caffeina prima di dormire;
– evitare di fare attività fisica intensa nelle sei ore precedenti il sonno.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti