Acne: sempre più precoce

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/04/2016 Aggiornato il 28/04/2016

L’acne è un fastidioso disturbo della pelle. Di norma, compare con la pubertà, ma ultimamente è presente nei bambini già alle elementari. Vediamo perché e come evitare che lasci segni permanenti

Acne: sempre più precoce

L’ acne colpisce circa l’85 per cento dei giovani. È un disturbo quasi obbligato dell’adolescenza che costringe i ragazzini a convivere con i brufoli. La fascia d’età in cui di solito si comincia a combattere contro l’acne va dagli undici ai diciotto anni e in genere si tratta di forme piuttosto lievi o moderate, che non lasciano strascichi. Ma dai dati presentati di recente dall’Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza all’International Congress on Advances in Pediatrics di New York, è emerso che l’acne compare sempre prima. Le prime pustole sul viso si fanno vedere già in terza o quarta elementare. E non si tratta di casi sporadici.

Legata all’impennata degli ormoni

Il direttore dell’Unità di dermatologia dell’ospedale Bufalini di Cesena, Fabio Arcangeli, ha dichiarato che in passato le forme precoci in genere erano legate a precisi disturbi endocrini, mentre oggi si vedono casi di acne anche in preadolescenza, fra i sette e gli undici anni, senza la presenza di patologie sottostanti. E succede soprattutto nelle bambine a causa della pubertà anticipata, che è sempre più frequente. Se, infatti, la tempesta ormonale scoppia prima del previsto, anche l’acne che spesso vi si accompagna finisce per comparire quando si frequenta ancora la scuola primaria.

Non solo un problema estetico

L’acne è, quindi, un disturbo che compare sempre prima e questo fenomeno non va sottovalutato, nemmeno dai pediatri. Può, infatti, avere ripercussioni psicologiche molto pesanti soprattutto se compare in giovanissima età. Perciò è importante una diagnosi precoce e un trattamento adeguato e tempestivo. Trattando subito e correttamente le forme lievi al loro esordio, è possibile evitare che progrediscano.

Come intervenire

Nei primi stadi sono efficaci farmaci locali a base di benzoilperossido e clindamicina, associati. Se, invece, l’acne è molto forte la scelta terapeutica migliore è l’isotretinoina, un farmaco molto efficace che tuttavia presenta effetti collaterali tra cui secchezza della pelle o epistassi. In gravidanza può addirittura causare malformazioni al feto.

 

 

 

 

 
 
 

In breve

COLPITO SOPRATTUTTO IL VISO

L’acne è una malattia infiammatoria della pelle, che colpisce soprattutto il volto. Il processo infiammatorio coinvolge il follicolo pilifero e la relativa ghiandola sebacea e può dipendere da fattori ormonali, ma anche dallo stress.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti