Adhd: sono davvero così tanti i bambini iperattivi?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/12/2014 Aggiornato il 19/12/2014

I dati relativi ai bambini con Adhd in Lombardia sono sovrastimati 15 volte


Adhd: sono davvero così tanti i bambini iperattivi?

Gli scienziati dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano sono gli autori di uno studio che smentise clamorosamente i dati sulla sindrome da iperattività e deficit dell’attenzione (Adhd) riportati dalla letteratura mondiale. 


15 volte inferiore alla media mondiale

Secondo i ricercatori del Mario Negri, che curano il Registro Adhd della Regione Lombardia, la prevalenza del disturbo è 15 volte inferiore a quella riportata come media mondiale.  Il Registro, istituito nel 2011 nell’ambito di uno specifico progetto regionale di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza e sostenuto dalla Direzione Generale Salute, con la finalità principale di garantire un’adeguata valutazione e terapia dell’Adhd a ogni bambino e adolescente fin dal sospetto o segnalazione del disturbo, ha l’obiettivo di stimare la prevalenza del disturbo, definire percorsi diagnostico-terapeutici condivisi, intensificare la formazione e l’aggiornamento degli operatori e informare i cittadini.

Una sopravvalutazione della patologia

I bambini e gli adolescenti iperattivi (con un’età compresa tra 5 e 17 anni), affetti da una vera e propria patologia, in Lombardia risultano essere 4.200, di cui 378 in terapia psicofarmacologica: appunto una prevalenza del disturbo del 3,5 per mille, 15 volte inferiore alla media mondiale (che è il 5,3%). La sopravvalutazione della patologia può determinare sia l’abuso nella prescrizione di psicofarmaci, sia il ricorso a errate terapie.

I maschi sono il doppio delle femmine

I risultati dello studio documentano che a circa il 65% dei bambini e adolescenti che accedono ai 18 Centri Regionali di Riferimento della Regione Lombardia per sospetto Adhd viene confermato il disturbo. Corrispondono a circa 400 nuovi casi ogni anno, con picco attorno agli 8 anni d’età, in maggioranza maschi (il doppio rispetto alle femmine); in un terzo è presente familiarità e nella maggioranza almeno un altro disturbo psicopatologico. Solo il 15% ha ricevuto un trattamento psicofarmacologico, il resto solo psicologico.

Sbagliano anche gli insegnanti

Le ricerche condotte sulla regione hanno dimostrato che in molti casi i dati erano falsi, nel senso di gonfiati, percepiti male e riferiti peggio. La maggior parte dei genitori e degli insegnanti denuncia come “iperattività” o come Adhd disturbi lievi o passeggeri, tipici dell’infanzia e facilmente gestibili, percepiti però come gravi senza alcun motivo. 

In breve

SBAGLIATO GENERALIZZARE

Il progetto della Regione Lombardia ha dimostrato che ii bambini e i ragazzi con Adhd sarebbero molto pochi rispetto a quanto ci si aspettava in base alla media mondiale. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti