Animali domestici: aiutano lo sviluppo dei bimbi

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 17/03/2017 Aggiornato il 17/03/2017

Il rapporto tra i bambini e i loro animali domestici è speciale e aiuta i più piccoli a crescere meglio. Per loro, i cuccioli sono parte della famiglia, sullo stesso piano dei fratelli e a volta ancora di più

Animali domestici: aiutano lo sviluppo dei bimbi

A indagare la complicità che si instaura tra bambini e animali domestici è uno studio dell’Università di Cambridge, da poco pubblicato sulla rivista Journal of Applied Developmental Psychology. I risultati mettono in chiaro una cosa: i bambini considerano gli animali domestici componenti della famiglia a tutti gli effetti. E li aiutano a crescere più sereni.

Un aiuto allo sviluppo

Lo studio ha preso in esame dodicenni provenienti da 77 famiglie, composte da più figli e con animali domestici. Come sottolinea Matthew Cassels, che ha diretto il team di studio, l’obiettivo era quello di valutare l’eventuale influenza dell’amico a quattro zampe sullo sviluppo del bambino, che si è vista positiva. Indagando questi rapporti, poi, è stato possibile confrontarli con quelli che i bambini intrattengono normalmente con gli altri membri della famiglia, con risultati sorprendenti.

Un rapporto senza pregiudizi

Le interviste ai 77 dodicenni hanno permesso di appurare come, per i bambini, la relazione con il loro animale domestico sia spesso più stretta di quella con i fratelli. Il rapporto con il proprio animale è infatti privo di conflittualità e restituisce un’elevata gratificazione, soprattutto quando l’animale domestico è un cane. Il fatto che gli animali non siano in grado di parlare può anche essere visto in modo positivo. A differenza di quello con i fratelli, infatti, il rapporto con il proprio animale è privo di giudizi e pregiudizi, a tutto favore della qualità della relazione stessa.

Migliora la qualità della vita

In definitiva, giocare con un cane, un gatto o un qualunque altro animale domestico restituisce serenità, tranquillità e permette di instaurare un forte legame affettivo. Da questa amicizia, i più piccoli possono essere sollecitati a sviluppare competenze sociali e migliorare il proprio benessere emotivo. In base al sesso del bambino lo studio non ha rivelato particolari differenze di soddisfazione nel rapporto. Una particolarità però c’è: sono le femmine a instaurare legami più stretti con il proprio animale domestico.

 

 

 
 
 

da ricordare!

 

Il rapporto tra bambini e animali domestici si rivela importante soprattutto quando i bambini si dimostrano particolarmente timidi e introversi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti