Anoressia e bulimia: i sintomi nei bambini

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 01/09/2015 Aggiornato il 01/09/2015

I disturbi del comportamento alimentare sono sempre più precoci. Ci sono bambine che soffrono di anoressia e bulimia già a 8 anni. Ecco i campanelli di allarme

Anoressia e bulimia: i sintomi nei bambini

Fino a qualche anno fa si manifestavano soprattutto a partire dall’adolescenza e dalla prima età adulta. Oggi, invece, anoressia e bulimia colpiscono anche le bambine, addirittura fin dagli otto anni d’età. A dirlo sono gli esperti che nelle scorse settimane si sono riuniti a Roma per il 71° Congresso della Società Italiana di Pediatria (Sip).

In aumento e più precoce

Durante una sessione dedicata ai disturbi del comportamento alimentare, i pediatri della Sip hanno spiegato che la letteratura scientifica degli ultimi anni dimostra che anoressia e bulimia sono sempre più precoci. In Italia la conferma arriva dalla Ricerca Nazionale sui DCA del Ministero della Salute che ha coinvolto 1.380 preadolescenti e adolescenti di età compresa tra gli 8 e i 17 anni. Ebbene, stando ai dati raccolti, in alcune bambine di otto anni sono già presenti i primi sintomi di queste malattie. Complessivamente, nel nostro paese sono due milioni i giovani interessati da queste problematiche.

Attenzione tra gli 8 e i 10 anni

Alla luce di questa situazione, gli specialisti invitano genitori e colleghi a non sottovalutare eventuali campanelli di allarme. “Tra gli 8 e i 10 anni c’è quella che potremmo definire ‘l’età del sospetto’, in cui si manifestano i primi segni del problema. Se si riesce a intercettarli subito i ragazzi recuperano” ha affermato Giampaolo De Luca, vicepresidente della Società italiana di medicina dell’adolescenza e presidente della Sip sezione Calabria.

Allarme se…

Ecco a che cosa fare attenzione fin dall’infanzia. Innanzitutto ansia, poi modifiche nel comportamento, tendenza a chiudersi in se stessi, isolamento, abitudine di nascondere ciò che si fa, episodi di autolesionismo, esagerata attività fisica. È importante anche fare attenzione al modo in cui la bambina mangia: lo sminuzzare il cibo in pezzi piccolissimi, il mangiare lentamente, l’esclusione di alcuni alimenti, l’assunzione di molta acqua, un uso frequente del bagno, specie dopo i pasti sono tutti atteggiamenti da non sottovalutare.

Alla base non solo fattori genetici

Le cause di anoressia e bulimia non sono ancora del tutto conosciute. Sicuramente esistono dei fattori di rischio, come l’insoddisfazione per il proprio corpo, l’ambiente familiare (in particolare, giocano un ruolo importante la depressione materna e il conflitto generazionale), il sovrappeso, la scarsa autostima. È stato dimostrato che esiste anche una predisposizione genetica. In ogni caso, la guarigione è possibile: si calcola che la remissione a cinque anni dell’anoressia sia del 66,8% contro il 45% della bulimia.

 

 
 
 

da sapere!

NON SOLO ANORESSIA

Anoressia e bulimia non sono gli unici disturbi del comportamento alimentare che colpiscono i ragazzi. Ultimamente stanno aumentando anche i casi di disfagia, cioè la difficoltà a deglutire, il selective eating, l’alimentazione selettiva e il Faed, food avoidance emotional disorder, disturbo emotivo da evitamento del cibo, simile all’anoressia ma più centrato sul disordine emotivo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti