Anoressia e bulimia in aumento tra i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/09/2014 Aggiornato il 29/09/2014

I disturbi del comportamento alimentare come anoressia e bulimia contagiano anche i bambini. Come individuarli e affrontarli? Si possono prevenire? La parola all’esperto

Anoressia e bulimia in aumento tra i bambini

Anoressia e bulimia sono in aumento nei bambini. Gli ultimi dati rivelano che i disturbi del comportamento alimentare cominciano a manifestarsi sempre più precocemente, in molti casi già a 8-12 anni.

Come si manifestano

L’anoressia infantile si manifesta con un rifiuto determinato degli alimenti e/o dell’atto nutritivo (sedersi a tavola, prendere in mano le posate, toccare il cibo). La bulimia, invece, è la ricerca vorace e continuativa di cibo, indotta da alterazioni del metabolismo o dall’incapacità psicologica di controllare la domanda e l’ingestione alimentare. Può portare a forme di obesità infantile. 

Comportamenti protratti nel tempo

Il rifiuto o la voracità alimentare durano per molto tempo e hanno evidenti ripercussioni sullo sviluppo psicofisico del bambino. È importante stabilire da quanto tempo e perché il piccolo nega il cibo o si abbuffa.  “L’ossessione del corpo perfetto e delle diete dimagranti si sta diffondendo come un’epidemia: i bambini “assorbono” questi messaggi e sviluppano un rapporto controverso con il cibo”, spiega la dottoressa Aurora Mastroleo, psicologa e psicoterapeuta, vicepresidente dell’Associazione Pollicino e Centro crisi genitori onlus, struttura specializzata nella prevenzione e cura dei disordini del comportamento alimentare in età pediatrica.

Una sana educazione alimentare fin dallo svezzamento

Per prevenire anoressia e bulimia è fondamentale rispettare i tempi del bambino durante lo svezzamento, senza forzature. E poi non trascurare mai i campanelli d’allarme: il piccolo può rifiutare il nutrimento per far capire alla mamma e al papà che c’è qualcosa che non va, oppure si ingozza per riempire un vuoto affettivo. Sedersi a tavola tutti insieme e dare il buon esempio sono altre regole importanti. Stimolare la curiosità a tavola e in cucina, lasciando il bambino libero di sperimentare e manipolare gli alimenti. No ai ricatti e alle minacce. “Le forzature sono controproducenti”, conferma l’esperta. “Costringere un bimbo ad alimentarsi o, al contrario, negargli bruscamente il cibo, non fa che esasperare le sue emozioni negative”.

A chi rivolgersi

Il pediatra è senz’altro il primo punto di riferimento in caso di dubbi: “è lui che fa una prima valutazione atta a escludere problematiche organiche (celiachia, allergie, intolleranze). Una volta fatta la diagnosi, si intraprende un percorso di psicoterapia individuali e familiari, controlli cadenzati dal pediatra e misure dietetiche specifiche in base al problema”, conclude. 

In breve

SERI DANNI SULLA SALUTE

L’obesità infantile aumenta il rischio di malattie metaboliche, cardiovascolari e obesità in età adulta. L’anoressia può alterare lo sviluppo puberale, il ciclo mestruale e la fertilità femminile.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti