Anoressia: più a rischio i bambini che portano l’apparecchio?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/04/2014 Aggiornato il 22/04/2014

Un recente studio dimostra che fra uso dell’apparecchio per i denti e rischio di anoressia c’è un legame. Tutta colpa del dolore che spinge a mangiare meno

Anoressia: più a rischio i bambini che portano l’apparecchio?

Ancora oggi, le cause dell’anoressia non sono completamente chiare. Prima d’ora, però, nessuno aveva ipotizzato che fra i fattori responsabili potesse esserci anche l’apparecchio per i denti. Lo fa un nuovo studio, condotto da un team di ricercatori irlandesi, del Temple Street Hospital, pubblicato sull’Irish Medical Journal.

20 bambini sotto esame per sette anni

La ricerca, che è durata sette anni, ha riguardato 20 bambini affetti da anoressia ricoverati presso l’ospedale di Dublino.
 Gli autori li hanno inviatati a rispondere a dei questionari e li hanno sottoposti ad alcuni esami e a una serie di valutazioni. Lo scopo era carpire nuove informazioni sulla malattia. Dall’analisi dei dati raccolti, è emerso che molti dei piccoli ricoverati a causa dell’anoressia avevano iniziato un trattamento ortodontico per raddrizzare i denti (circa un terzo del campione).

Maggiori pericoli per le bambine

Le più a rischio erano le bambine, che presentavano un calo ponderale maggiore rispetto ai coetanei maschi. Occorre considerare, però, che il sesso femminile era anche quello più dedito all’attività fisica. Gli autori hanno dedotto che probabilmente il dolore causato dall’uso degli apparecchi dentali spinge a limitare il cibo introdotto. In pratica, il bambino finisce con il mangiare poco perché ha troppo male ai denti e alla bocca. Questo, alla lunga, potrebbe portare allo sviluppo di problemi alimentari anche seri, come l’anoressia.

Servono nuovi studi

Serviranno nuovi studi condotti su casistiche più ampie per confermare se effettivamente i bimbi che portano l’apparecchio – una popolazione molto numerosa – hanno più probabilità degli altri di andare incontro a disturbi del comportamento alimentare. 

In breve

UNA MALATTIA INSIDIOSA E DALLE TANTE CAUSE

Probabilmente l’anoressia nervosa è il risultato dell’interazione fra più elementi diversi. Alla predisposizione genetica di base si sommano vari fattori ambientali. Puntare il dito solo sull’apparecchio, dunque, non è comunque corretto. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.   »

Bimba di sei anni che tiranneggia mamma e fratello: che fare?

08/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una bambina costantemente ribelle, che fa continui capricci e assume atteggiamenti provocatori probabilmente ha solo bisogno dei famosi paletti, che segnano il limite da non superare e, per quanto strano possa apparire, fanno sentire i figli amati, protetti, accuditi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti