Ansia nei bambini? Depressione da ragazzi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/01/2014 Aggiornato il 24/01/2014

Uno studio italiano sostiene che esiste un legame tra la predisposizione genetica all’ansia nei bambini e la depressione in adolescenza

Ansia nei bambini? Depressione da ragazzi

Per la prima volta in Italia, è stato studiato il rapporto tra ambiente familiare e sviluppo di disturbi dell’umore in adolescenza. Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Istituto Scientifico  Medea – La Nostra Famiglia di Bosisio Parini (Lecco), ed evidenzia che l’ansia da bambini predispone alla depressione in adolescenza, soprattutto se l’ambiente familiare sottopone i ragazzi a stress continui. Il lavoro, pubblicato sulla rivista internazionale Epidemiology and Psychiatric Sciences e parte del “Programma nazionale di ricerca strategica in età evolutiva”, ha coinvolto 300 ragazzi seguiti per un periodo di 5 anni.

Si altera la produzione di serotonina

Si è notato che bambini ansiosi con un assetto genetico che altera la secrezione di serotonina sviluppano più facilmente una depressione clinica in adolescenza, se vivono situazioni familiari stressanti (lutti, separazioni, traumi, violenze, difficoltà di relazione con i genitori, ecc.).  “Una minore funzionalità del sistema della serotonina predispone a una maggiore stabilità di tratti di personalità ansiosi – conferma la dottoressa Maria Nobile, responsabile del team di ricerca – . I bambini con tratti di ansia elevati ed esposti a situazioni familiari stressanti, durante l’adolescenza possono sviluppare una depressione”.

Più a rischio i primi anni di vita

Le stesse situazioni familiari, quando si presentano durante l’adolescenza, non sono più vissute come fattori stressanti e quindi non si associano al disturbo. A questa età inizia ad avere più importanza l’ambiente scolastico, il contesto del quartiere e le amicizie. “Un ambiente sereno ed equilibrato è necessario per proteggere i ragazzi con ansia dalla possibilità di diventare depressi da adulti”, conclude Giampaolo Perna, direttore del Dipartimento di neuroscienze cliniche di Villa San Benedetto Menni di Albese con Cassano (Como), che ha collaborato allo studio. 

In breve

CHE COS’È LA SEROTONINA

La serotonina, nota anche come “omone del buonumore”, è un neurotrasmettitore sintetizzato nel cervello con diverse funzioni importanti, come il controllo dell’appetito e la regolazione del ciclo sonno-veglia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti