Aprire le finestre riduce le assenze a scuola

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 07/10/2013 Aggiornato il 07/10/2013

Un recente studio americano suggerisce che aprire spesso le finestre durante le lezioni migliora la ventilazione e diminuisce le assenze a scuola per malattia

Aprire le finestre riduce le assenze a scuola

A casa, in genere, lo si fa più volte nell’arco della giornata. Ma aprire le finestre è utile anche a scuola. Secondo un recente studio del Berkeley Lab, in California (Stati Uniti), infatti, favorire il ricambio dell’aria delle classi riduce il numero di assenze per malattia degli alunni. I ricercatori hanno preso in esame 162 aule di 28 scuole elementari. Hanno così scoperto che aprire le finestre a scuola è vantaggioso sia per la salute dei bambini sia il portafoglio dei genitori. Infatti, se si favorisce il ricambio dell’aria, le assenze dei bambini si riducono di circa il 3,5% all’anno. Ciò si traduce in un risparmio per le famiglie di 80 milioni di dollari, fra cure, baby-sitter e costi per i giorni di lavoro persi da mamma e papà. L’ideale, secondo gli esperti, sarebbe una ventilazione pari a 7 litri al secondo per studente.

Non al mattino presto

È importante, però, non aprire le finestre al momento dell’arrivo degli studenti a scuola, perché altrimenti lo smog delle auto dei genitori può inquinare l’aria interna, a maggior ragione se la scuola è localizzata in una zona molto trafficata.

Gli inquinanti indoor

Ma perché l’aria delle aule va cambiata? Perché moltissime sostanze dannose sono più concentrate in classe che all’esterno. Per esempio, sono inquinanti indoor, o comunque elementi nocivi, gli acari della polvere, le emissioni dai mobili e dai prodotti di pulizia e i composti che provengono da colle, pennarelli, carta, profumi.  L’esposizione a queste sostanze può aumentare il rischio di allergie, riniti, irritazioni oculari, problemi respiratori.

In breve

IL PERIODO PIU’ A RISCHIO

Aprire le finestre è sempre utile, ma è fondamentale nelle prime settimane di scuola. Infatti, dopo le vacanze trascorse all’aria aperta, i bambini che vivono nelle grandi città devono fare di nuovo i conti con l’aria inquinata degli ambienti chiusi, dove trascorrono molto tempo della loro giornata.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti