Bambini aggressivi? La responsabilità è (anche) del cortisolo

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 02/05/2016 Aggiornato il 02/05/2016

Nei maschi alti livelli di cortisolo portano a maggiore aggressività. L'estradiolo, invece, ha effetti calmanti

Bambini aggressivi? La responsabilità è (anche) del cortisolo

Chi ha figli o nipoti non ancora adolescenti lo sa bene: l’aggressività che spesso i piccoli manifestano, a volte anche senza apparente motivo, è legata al naturale e fisiologico processo di crescita. Uno studio pubblicato  sul Journal of Human Biology  da un gruppo di ricercatori dell’Università dei Paesi Baschi guidati da Eider Pascual-Sagastizabal spiega, però, che non sono solo i cambiamenti legati alla crescita a innescare questi comportamenti: gli studiosi spiegano, infatti, che a rendere i bambini di età compresa tra 8 e 10 anni più aggressivi è anche il livello di un ormone, il cortisolo.

Effetti calmanti dall’estradiolo

Gli studiosi hanno monitorato per due anni il comportamento di 90 bambini (49 maschi e 41 femmine) provenienti da quattro scuole elementari e hanno misurato i cambiamenti nei livelli di tre ormoni steroidei (testosterone, estradiolo e cortisolo), rilevati all’inizio dello studio (ovvero quando i bambini avevano 8 anni) e due anni dopo (quando i piccoli partecipanti alla ricerca avevano 10 anni). Dati alla mano, gli studiosi hanno riscontrato che nei maschi l’aumento dei livelli di cortisolo è strettamente connesso all’aumento dell’aggressività, mentre lo stesso non accadeva nelle femmine. Non solo: i ricercatori hanno anche notato nel corso dello studio una diminuzione dell’aggressività in alcuni bambini che sono poi risultati essere quelli che, nei due anni, avevano visto aumentare i propri livelli di estradiolo.

Necessari nuovi studi

“I nostri risultati – spiega Pascual-Sagastizabal – suggeriscono un effetto ormonale diverso sul comportamento aggressivo da parte di due ormoni, cortisolo ed estradiolo. Un aumento di cortisolo comporta l’accentuarsi di comportamenti aggressivi, mentre un aumento di estradiolo determina una riduzione dell’aggressività”. Secondo i ricercatori questo studio – sebbene i risultati debbano essere confermati da nuovi studi – può aiutare la comprensione dei meccanismi biologici alla base dell’aggressione, fornendo maggiori informazioni sugli effetti che i diversi ormoni possono avere sul comportamento aggressivo in età scolare a seconda del tipo di ormone e del sesso dei bambini.

 

 

In breve

LE AZIONI DEL CORTISOLO

Il cortisolo è un ormone che viene prodotto dalle ghiandole surrenali. Appartiene alla categoria dei glucocorticoidi. È uno dei cosiddetti “ormoni dello stress“: nel nostro organismo il suo livello aumenta quando è necessario far fronte a situazioni di stress.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti