Bambini e tv: attenzione alle scene di sesso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/06/2013 Aggiornato il 07/06/2013

La Fimp, la Federazione italiana medici pediatri, lancia l’allarme: il rapporto tra bambini e tv è pericoloso per la presenza di troppe scene di sesso, soprattutto negli spot

Bambini e tv: attenzione alle scene di sesso

 

Un tempo per un tranquillo rapporto tra bambini e tv bastava controllare che il piccolo guardasse lo schermo negli orari giusti e ci si poteva rilassare, abbassando la guardia. Oggi questa regola per bambini e tv non vale più. I pediatri della Fimp invitano i genitori a stare in allerta, avvertendo che ci sono troppo scene di sesso esplicito in tv, anche in quegli orari che dovrebbero essere “protetti” perché vi sono tanti bambini davanti allo schermo.

Attenzione alla pubblicità…

Ciò che mina oggi il rapporto tra bambini e tv è innanzitutto nella pubblicità. È proprio durante gli spot che si possono vedere scene di sesso esplicite, non destinate ai bambini. Questo genere di pubblicità è presente a tutte le ore, non solo quando i piccoli dovrebbero essere a letto a dormire.

… e alla parabola e al digitale terrestre

Non solo nella pubblicità. Giuseppe Mele, past president della Fimp, avverte che “la parabola e il digitale terrestre offrono decine di programmi in cui ragazze seminude pubblicizzano numeri di telefono per comunicazioni a sfondo erotico senza limitazione di orari”.

Il rischio è alterare lo sviluppo sessuale

Che cosa rischiano i bambini davanti a queste immagini? Non poco! Già si sapeva che la televisione può rendere i bambini più aggressivi, ora c’è qualcosa in più. Mele spiega come “il bombardamento di messaggi fuorvianti possa accelerare il desiderio di esperienze sessuali, perché attraverso le immagini virtuali può passare il messaggio di rapporti facili, fini a se stessi, possibili in qualsiasi luogo, in qualsiasi momento e in ogni modo”.

Mai lasciare i bambini soli davanti alla tv

I genitori quindi devono non solo controllare che non si guardi troppa tv, ma anche essere presenti quando i figli guardano la televisione, cercando di essere sempre almeno nella stessa stanza se proprio si deve fare altro. Così, davanti alle improvvise immagini di sesso, possono subito rispondere agli eventuali dubbi del bambino, spiegandogli con parole semplici e chiare il significato di una scena. Si può, per esempio, semplificare dicendo che quella scena di sesso è un modo per due adulti di esprimere il loro volersi bene. 

In breve

LIBRI E DVD DI EDUCAZIONE SESSUALE

Il dialogo tra genitori e figli è molto importante nell’educazione sessuale. Uno spunto può venire da libri e dvd specifici, che in base all’età del bambino, sono in grado di spiegare e chiarire i dubbi su queste tematiche. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti