Il tuo bambino è svogliato? Forse ha un disturbo dell’apprendimento

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 24/11/2022 Aggiornato il 24/11/2022

È facile confondere un disturbo dell’apprendimento con la pigrizia e la svogliatezza del bambino. Ecco come fare

come scoprire se un bambino è svogliato o ha un disturbo dell'apprendimento

Sbagliare è semplice, nonché comune. Un bambino che fa fatica a imparare a leggere, ma che non ha problemi a giocare viene spesso etichettato come pigro e svogliato. In realtà nella maggior parte dei casi soffre di un disturbo dell’apprendimento. Un ragazzo dislessico, infatti, può leggere e scrivere, ma deve impiegare molte energie per farlo bene. È esattamente il contrario di un pigro e di uno svogliato.

Quali sono i disturbi dell’apprendimento del bambino?

Sono quattro: la dislessia, la disgrafia, la discalculia e la disortografia. Gli alunni che frequentano le scuole italiane a cui è stato diagnosticato un disturbo specifico dell’apprendimento  sono il 4,9% del totale, una percentuale che corrisponde a 3 milioni circa di persone. Il disturbo più diffuso è la dislessia con il 39,6% del totale, seguita dalla disortografia con il 21,5%, discalculia e di disgrafia, rispettivamente con il 20,3% e il 18,6% del totale. Gli alunni con dislessia rappresentano il 3,2% del numero complessivo degli alunni delle scuole primarie e secondarie, quelli con disgrafia l’1,5%, gli alunni con disortografia l’1,7% e gli alunni con discalculia l’1,6%. In Italia gli studenti universitari con dislessia sino 20mila.

Qual è il motivo delle difficoltà di apprendimento del bambino?

A oggi non è ancora stata identificata una causa precisa che le determini. Non bisogna considerarle, però, come malattie perché non sono provocate da danni organici né dipendono da deficit neurologici o intellettivi o da problemi psicologici o ambientali. Sono delle neuro-diversità, cioè delle diverse modalità di funzionamento delle reti neuronali coinvolte nei processi di lettura, scrittura e calcolo.

Che impatto hanno sulla scuola i DSA?

I disturbi specifici dell’apprendimento possono avere un impatto negativo sul percorso scolastico e lavorativo, se le difficoltà non vengono compensate attraverso strategie e strumenti adeguati al proprio stile di apprendimento. Grazie ai contributi della ricerca scientifica e all’applicazione di strategie didattiche inclusive, negli ultimi decenni sono stati fatti importanti progressi nella gestione dei Dsa. Però bisogna continuare nell’azione di divulgazione per consentire alle persone con queste neuro-diversità di far emergere a pieno il proprio potenziale.

Come si guarisce dai disturbi di apprendimento?

Non essendo malattie, i disturbi dell’apprendimento non si curano e non si risolvono ma nel tempo si possono brillantemente compensare le difficoltà. Le persone con dislessia hanno difficoltà a decodificare testi, quindi la lettura per loro è più lenta, meno corretta delle aspettative in base all’età o alla classe frequentata. Quelle con disortografia hanno difficoltà nella competenza ortografica e nella competenza fonografica (la capacità di far corrispondere correttamente i segni ai suoni o viceversa). Le persone con disgrafia hanno una difficoltà nell’abilità motoria della scrittura. Infine, i discalculici hanno una difficoltà nel comprendere e operare con i numeri. I Dsa possono comparire insieme oltre che isolatamente, e possono accompagnarsi a un disturbo dell’attenzione.

 

 
 
 

In sintesi

Come riconoscere un bambino con difficoltà di apprendimento?

Anche se alcuni segnali di Dsa possono essere evidenti già a 5 anni, la diagnosi dei disturbi specifici dell’apprendimento si fa dopo la fine della seconda elementare.  Alla fine della prima elementare gli indicatori più frequenti sono: difficoltà nella lettura (lenta decifrazione delle singole lettere, incertezza nell’utilizzo delle sillabe, scarso controllo del significato delle parole); difficoltà nella scrittura (scarsa autonomia nella scrittura delle parole, sostituzioni o cancellazioni di lettere, difficoltà nell’atto della scrittura); difficoltà nell’uso dei numeri (errori nel conteggio da 0 a 20, errori nel passaggio dalla pronuncia alla scrittura dei numeri da 0 a 20, difficoltà nel calcolo a mente entro il 10).

Come aiutare un bambino con difficoltà di apprendimento?

Quando un genitore o un insegnante sospetta di trovarsi di fronte ad un bambino dislessico, qualunque sia l’età dell’alunno, è importante che venga fatta una valutazione diagnostica. La diagnosi spetta a specialisti esperti che usano specifici test (la Consensus Conference, il Panel di Aggiornamento e Revisione della Consensus Conference e l’Istituto Superiore di Sanità hanno stabilito un iter diagnostico condiviso).

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti