Come non crescere bambini narcisisti (e infelici)

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 08/05/2015 Aggiornato il 08/05/2015

Attenzione a cedere troppo ai capricci dei piccoli e a sopravvalutarli: li si rende bambini viziati e narcisisti. Ma non più sicuri di sé e felici. Ecco come evitarlo

Come non crescere bambini narcisisti (e infelici)

Essere innamorati dei propri figli è assolutamente normale. Per una mamma e un papà è naturale pensare che il proprio bimbo sia unico e speciale. Questo non significa però che sia concesso sopravvalutarlo in tutto e per tutto. In caso contrario, c’è il rischio che i bambini diventino viziati e narcisisti. La conferma arriva da una recente ricerca, condotta da un team di ricercatori statunitensi e olandesi, rispettivamente dell’Ohio State University e dell’università di Amsterdam, pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Bambini sopravvalutati

Lo studio ha riguardato complessivamente 565 bimbi, di età compresa fra i 7 e gli 11 anni, e i loro genitori. Tutti sono stati invitati a rispondere a quattro questionari, a distanza di circa sei mesi l’uno dall’altro. Ai bambini è stato chiesto di rispondere a una serie di domande su ciò che pensavano di se stessi, sul loro rapporto con mamma e papà e sugli atteggiamenti tenuti in varie circostanze. Inoltre, sono stati sottoposti ad alcuni testi in grado di individuare i caratteri viziati e narcisisti. I quesiti per i genitori riguardavano, invece, il giudizio che avevano sui figli e sulle loro capacità. Lo scopo era capire se fra modo di porsi dei genitori, e dunque educazione impartita, e comportamento dei ragazzi ci fosse una qualche relazione.

Tessere le loro lodi non è un bene

Dall’analisi dei risultati è emerso che i bambini viziati non erano quelli che avevano fiducia in se stessi, ma quelli con genitori meno obiettivi, che tendevano a tessere le loro lodi senza motivo e a pensare che avessero diritto a qualcosa in più rispetto agli altri. Più precisamente, si è visto che i partecipanti che avevano ottenuto i punteggi più elevati nei test per il narcisismo erano quelli che avevano delle mamme e dei papà che tendevano a sopravvalutarli.

Il narcisismo non migliora l’autostima

Nella maggior parte dei casi, i genitori sono convinti di fare il bene dei figli facendoli sentire migliori degli altri e speciali, ma in realtà non è così. Il risultato che ottengono è che i bimbi si sentono più capaci dei coetanei. E questo non aumenta certo la loro autostima. «Chi ha un’alta autostima pensa di essere bravo e valido come gli altri, mentre i narcisisti sono convinti di essere meglio degli altri» hanno spiegato gli autori. E quando si sentono umiliati, spesso sfogano il loro disagio con comportamenti aggressivi e violenti. Hanno anche difficoltà relazionali, a provare empatia per gli altri, sono ipersensibili, hanno un forte desiderio di essere ammirati e sono a rischio di diventare dei bulli. Per aumentare l’autostima è utile invece che i genitori abbiano per primi stima nei propri piccoli, li circondano di affetto e calore e li lodino, ma senza confronti con gli altri.

 

 

In breve

MAI PENSARE CHE SIANO SUPERIORI AGLI ALTRI

Mamma e papà dovrebbero cercare di esprimere affetto e apprezzamento verso i bambini senza dire che sono superiori agli altri o destinati a particolari privilegi. Solo così ai aumenta realmente la loro autostima.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti