Compiti a casa: aiutare i figli fa più male che bene… anche in vacanza

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 29/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Il sostegno è importante, purché non diventi eccessivo. I bambini devono imparare a fare i compiti a casa da soli

Compiti a casa: aiutare i figli fa più male che bene… anche in vacanza

Alzi la mano quel genitore che non si è mai seduto accanto al figlio mentre svolgeva i compiti a casa e non l’ha mai aiutato! Durante la carriera scolastica dei propri figli, sono davvero pochi i papà e le mamme che restano a guardare e non si propongono di sostenerli laddove mostrano delle difficoltà. Eppure, quello che la maggior parte considera un gesto benefico o quantomeno innocuo, in realtà, potrebbe essere dannoso. Questa perlomeno è la conclusione cui è giunto uno studio condotto da un gruppo di esperti finlandesi, della Università della Finlandia orientale e di quella di Jyväskylä.

Bambini della scuola primaria

La ricerca ha coinvolto un gruppo di bambini della scuola primaria. Gli autori hanno chiesto agli alunni e ai genitori di compilare dei questionari sulle modalità abituali di svolgimento dei compiti a casa e li hanno anche osservati direttamente. Lo scopo era capire se e come i bambini venissero abituati dai genitori a fare i compiti a casa e se questo avesse un’influenza positiva o negativa.

Sbagliato anticiparli

Dall’analisi dei risultati  è emerso che aiutare i bambini a fare i compiti a casa è decisamente controproducente. Infatti, nella casistica considerata si è visto che più le mamme lasciavano lavorare i figli in autonomia e più questi si impegnavano e diventavano tenaci per raggiungere il risultato. “Una possibile spiegazione è legata al fatto che quando la madre dà al bambino l’opportunità di fare i compiti a casa autonomamente, la mamma invia anche un messaggio a dimostrazione che crede nelle sue capacità” hanno spiegato gli autori.

Presenti ma non troppo

In effetti, anticipare i bisogni dei figli e stare loro accanto in maniera eccessiva non è mai un bene. Un conto è cercare di sovrastarli, un altro è sostenerli con equilibrio. L’ideale è che mamma e papà si facciano un po’ da parte, lasciando spazio al bambino, permettendogli di esprimersi e sperimentarsi ma, su richiesta esplicita e in presenza di difficoltà indicate dall’insegnante, non neghino una mano.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Se il bambino non ha voglia di fare i compiti a casa, non va bene farli al posto suo. Occorre spronarlo ad arrangiarsi da solo…. anche in vacanza.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti