Contrordine: i videogiochi rendono socievoli

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 21/04/2016 Aggiornato il 07/08/2018

Contrariamente a quanto comunemente sostenuto, pare ora che un uso intenso dei videogiochi possa migliorare capacità intellettive e socialità di bambini e adolescenti. Ecco perché

Contrordine: i videogiochi rendono socievoli

I videogiochi, generalmente associati a effetti negativi sulla salute, potrebbero non essere poi così dannosi per il benessere di bambini e adolescenti, perlomeno per quello psicologico e sociale. Con un uso intenso sembrano, infatti, aumentare le chances di migliorare le capacità intellettive, il rendimento scolastico e la socialità.

Positivi per la scuola

Uno studio americano della Columbia Mailman School of Public Health, pubblicato su Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology, smentisce le tesi catastrofiste di chi indicava i videogiochi come pericolosi per i ragazzi. Lo studio ha preso in esame i dati dello School Children Mental Health Europe, un progetto che ha coinvolto 3.195 bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, per verificare l’uso che i ragazzi facevano dei videogame e che impatto ciò avesse sulle loro capacità cognitive, sull’apprendimento e il rendimento scolastico e sulla socialità. Genitori e insegnanti hanno valutato la salute mentale dei ragazzi e il successo scolastico con dei questionari e i bambini stessi hanno risposto alle domande attraverso uno strumento interattivo.

Relazioni migliori con i coetanei

Dai risultati della ricerca è emerso che un ragazzo su cinque utilizzava i videogame più di cinque ore alla settimana e che un uso importante era collegato a 1,75 volte le possibilità di alte capacità intellettive e 1,88 volte le possibilità di elevate competenze a scuola. Chi dedicava più tempo a questo divertimento, inoltre, aveva minori problemi di relazioni con i coetanei. Secondo Katherine M. Keyes, autrice dello studio, questi risultati indicano che i bambini che giocano spesso con i videogiochi possono essere socialmente coesi con i coetanei.

I limiti sono importanti

Gli studiosi avvertono, però, che è necessario non sovrastimare i risultati dello studio e porre comunque dei limiti ai ragazzi nell’utilizzo dei videogiochi. Questa è una componente importante della responsabilità dei genitori come strategia globale per il futuro successo dei ragazzi.

 

 

 
 
 

In breve

SCEGLIERE QUELLI PIU’ IDONEI

Le notizie sui videogiochi si susseguono e spesso con dati contrastanti: secondo uno studio del dipartimento di psicologia dell’Università di Montreal quelli troppo violenti potrebbero addirittura favorire episodi psicotici.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti