Cuore più protetto con l’elettrocardiogramma a scuola

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/05/2015 Aggiornato il 13/05/2015

L’1% dei ragazzi ha problemi al cuore. Per proteggerli basterebbe inserire l’elettrocardiogramma come esame di routine in tutte le scuole

Cuore più protetto con l’elettrocardiogramma a scuola

Quando si parla di soggetti con malattie cardiache si pensa subito a persone di una certa età. E, invece, anche gli adolescenti possono sviluppare delle problematiche al cuore. Per questo gli esperti raccomandano l’introduzione di uno screening con elettrocardiogramma nelle scuole.

Non tutti i ragazzi sono in buona salute

Nell’immaginario comune i giovani sono forti e in piena salute. In effetti, nella maggior parte dei casi è così. Purtroppo però ci sono delle eccezioni. La conferma arriva dalla Società italiana di cardiologia (Sic), secondo cui almeno l’1% dei ragazzi ha problemi al cuore. “Finora da un nostro progetto che ha coinvolto quasi 20 mila ragazzi è emerso che circa il 20-25% ha una anomalia del tracciato, che dopo approfondimenti svela una malattia nell’1% dei casi” ha spiegato Francesco Fedele, presidente della Fondazione Italiana Cuore.

La diagnosi è semplice

Fortunatamente molte di queste anomalie cardiache, anche se non sempre sintomatiche, sono facilmente diagnosticabili: basta eseguire un elettrocardiogramma per scoprirle. E a quel punto intervenire con le cure più adeguate, scongiurando le conseguenze più serie. Ricordiamo che l’elettrocardiogramma o ecg è un semplice esame che fotografa le condizioni di salute e il funzionamento del cuore.

L’appello degli esperti

Ecco perché i cardiologi italiani stanno cercando di sensibilizzare sull’importanza di introdurre uno screening allargato nelle scuole. Sottoponendo gli alunni a un elettrocardiogramma si potrebbe salvaguardare la loro salute, non rischiando di tralasciare casi sospetti. È altrettanto essenziale, però, che i risultati vengano interpretati da figure competenti. “Il decreto del ministro Lorenzin sui certificati di idoneità sportiva agonistica usa per l’ecg l’espressione “debitamente refertato”, che però non è chiara. Questo porta in molti casi a vedere esami refertati direttamente dalla macchina che li fa, senza nessuno che li analizzi. L’ecg va refertato da una persona competente, altrimenti l’attenzione al cuore non produce nessun risultato apprezzabile” ha commentato l’esperto.

 

 

 

da ricordare!

I genitori non devono sottovalutare eventuali sintomi di un cattivo funzionamento del cuore, come stanchezza, pallore, battito anomalo, estremità sempre fredde. In questi casi devono rivolgersi al pediatra che, se lo riterrà opportuno, prescriverà un elettrocardiogramma.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti