Diabete nei bambini, segnali allarmanti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/01/2016 Aggiornato il 29/01/2016

Il diabete nei bambini è sempre più frequente e spesso porta conseguenze molto gravi. Ecco come riconoscerlo

Diabete nei bambini, segnali allarmanti

Il diabete nei bambini è sempre più un’emergenza. Nella sua variante di tipo 1, questo tipo di diabete è una malattia cronica e che necessita di cure urgenti quando si manifesta. Infatti, il problema principale del diabete nei bambini, è che quest’ultimo si manifesta quando il piccolo è già grave.

I possibili rischi

Il diabete nei bambini può provocare gravissimi danni cerebrali e lesioni che possono rivelarsi addirittura fatali. Così esordisce il professor Maghnie, presidente SIEDP e responsabile di endocrinologia clinica all’Ospedale Gaslini di Genova. Uno dei sintomi di esordio del diabete 1 nei bambini, è la chetoacidosi ovvero l’accumulo di corpi chetonici nel sangue proprio perché non viene sintetizzata l’insulina.

La chetoacidosi

La chetoacidosi, dovuta appunto a uno squilibrio della produzione di insulina, è a oggi il principale sintomo tempestivo per individuare il diabete di tipo 1 nei bambini. E, quando si manifesta, la situazione è già molto compromessa. Basti considerare, a tal proposito, che l’edema cerebrale da chetoacidosi si sviluppa dalle 4 alle 12 ore dal ricovero in urgenza e si può presentare anche fino a 24 ore dopo il primo trattamento.

Altri sintomi importanti

Prima di arrivare a un ricovero di urgenza, con tutti i rischi connessi anche per la vita del bambino, è importante fare attenzione ad alcuni segnali anomali, come per esempio: bere e urinare molto, perdere peso, non crescere regolarmente. A tal proposito, proprio da gennaio 2016, è stata programmata una campagna di informazione capillare per sensibilizzare i genitori.

Moltissimi casi under 18

Oggi in Italia, i giovani sotto i 18 anni, a essere colpiti da diabete di tipo1, sono circa 25 mila. Una cifra non irrisoria, se si considerano le conseguenze gravi e la qualità della vita compromessa. Perché quest’ultima sia mantenuta dignitosamente, è importante intervenire sin dai primi esordi della malattia, evitando di trascurare segnali importanti.

Come agire nell’urgenza

Fondamentali, in caso di episodio diabetico nei bambini, è intervenire nelle prime due ore decisive. In questo caso, va affrontata immediatamente la disidratazione  attraverso la somministrazione di fisiologica e poi, dopo due ore, si gestisce la questione insulinica con endovena dosata adeguatamente per prevenire edemi cerebrali.

 

 

In breve

IMPORTANTE INVESTIRE NELLA RICERCA

Di fronte all’espandersi di alcune patologie tipicamente adulte, anche nell’età infantile molto precoce, è sempre più urgente investire.  In ricerca e test genetici, migliorando altresì la qualità della vita dei pazienti attraverso l’uso di farmaci sempre più specializzati ed efficaci.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti