Disidratazione nei bambini: il rischio c’è anche in inverno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/10/2013 Aggiornato il 04/12/2019

Con il freddo, si sente meno lo stimolo della sete, ma non è un bene, perché l’organismo perde comunque liquidi. In più il gioco e l’attività sportiva possono aggravare la disidratazione nei bambini

Disidratazione nei bambini: il rischio c’è anche in inverno

In estate viene spontaneo dare da bere spesso ai piccoli, perché li si vede sudare e perdere liquidi. Lo stesso problema, cioè il rischio disidratazione nei bambini, esiste anche in inverno, pur non essendo così evidente.

Le basse temperature aumentano i pericoli

La disidratazione è un meccanismo naturale del corpo umano. Come spiega il professor Alessandro Sartorio, membro del Comitato scientifico Acqua Panna e primario della Divisione di malattie metaboliche e auxologia presso l’Istituto auxologico italiano: “Se è vero che il caldo influenza la perdita di liquidi e sali minerali dal nostro corpo, di conseguenza l’equilibrio idrico, anche il freddo incide su questo delicato meccanismo. Alle basse temperature si corre il rischio di una disidratazione dovuta al fatto che il freddo riduce lo stimolo della sete e stimola l’eliminazione di acqua attraverso le urine”.

I bambini sono più esposti

Il rischio disidratazione è ancora più elevato nei bambini perché loro, in proporzione, devono bere di più degli adulti. “L’acqua ha un ruolo essenziale nello sviluppo del loro organismo” sottolinea il professor Sartorio “dal momento che il loro senso della sete non è ancora maturo, è particolarmente importante controllare la quantità di liquidi e la frequenza con cui bevono. Anche perché, quando compare il senso della sete, questo rappresenta già un segno di inadeguata idratazione”.

Attenzione all’attività sportiva

Oltre al freddo in sé, ad aggravare il rischio disidratazione nei bambini ci sono anche le attività sportive e il gioco all’aria aperta, che fanno perdere ulteriori liquidi all’organismo.

Farli bere di più

“Nei bambini il consumo di acqua deve essere più elevato” conclude Sartorio “purtroppo frequentemente resta troppo limitato, spesso per una mancata educazione al consumo adeguato di acqua. Poiché sono spesso in movimento, è importante offrire loro spesso da bere acqua non troppo fredda per mantenere un corretto equilibrio di liquidi”. Sono da evitare invece le bibite zuccherate, accusate di favorire l’obesità, e gli energy drink, che contengono sostanze troppo eccitanti per i bambini.

In breve

Attenzione a piscine e palestre surriscaldate

Alcuni recenti lavori scientifici condotti durante le lezioni di educazione fisica di bambini della scuola primaria hanno evidenziato che quando l’attività fisica viene praticata in palestre o piscine molto riscaldate, aumenta il rischio di disidratazione, soprattutto nei soggetti in sovrappeso e con scarso apporto di liquidi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti