Dislessia: individuarla prima per curarla meglio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/03/2016 Aggiornato il 18/03/2016

Al via un progetto digitale che riduce il ritardo diagnostico della dislessia, favorendo il recupero dei bambini. Di che cosa si tratta

Dislessia: individuarla prima per curarla meglio

In Italia attualmente la dislessia colpisce circa 2 milioni di persone, di cui 350mila alunni.  Da qui l’esigenza di far nascere un progetto altamente digitalizzato che permetta alle famiglie stesse di effettuare uno screening ultra-precoce dei disturbi della comunicazione, individuando così subito i bambini a rischio.

Un portale e un’app 

Il progetto per la diagnosi precoce si realizzerà nei prossimi 18 mesi attraverso un portale e un’apposita App, sviluppata dall’Istituto superiore di sanità in collaborazione con l’Istituto di scienze applicate&sistemi intelligenti del Cnr.

Un Osservatorio dedicato

Per i bambini in età scolare, ragazzi e adulti sarà poi possibile, con l’aiuto della piattaforma, effettuare una valutazione a distanza elaborata dall’ospedale pediatrico Bambino Gesù, un eventuale percorso di recupero online per le difficoltà di lettura e una sessione finale con verifica dell’apprendimento. Il progetto nel suo complesso contribuirà a creare un unico Osservatorio in Italia dei dati sulla diagnosi della dislessia, sulle scuole “amiche”, sull’utilizzo dei libri digitali e degli strumenti compensativi e sui trattamenti efficaci.

Che cos’è la dislessia

La dislessia è una malattia che comporta difficoltà di grado lieve, medio o severo nella lettura e nella comprensione dei testi e dei numeri, nella memorizzazione delle definizioni e di termini specifici. Secondo gli esperti un disturbo della lettura/scrittura isolato può comportare difficoltà in matematica, più o meno importanti a seconda del grado del disturbo e della classe frequentata dal bambino.

 

 

 

 
 
 

In breve

I NUMERI DELLA DISLESSIA

Secondo gli ultimi dati disponibili, la dislessia colpisce circa 350 mila studenti (pari al 4,5% della popolazione scolastica), non ancora tutti diagnosticati.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti