Dislessia nei bambini: come affrontarla?

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 04/03/2019 Aggiornato il 05/03/2019

La dislessia è un disturbo dell’apprendimento che non consente al bambino di leggere e scrivere in maniera corretta o sufficientemente veloce in base alla classe scolastica frequentata. Ecco come gestirla per affrontare al meglio la scuola

Dislessia nei bambini: come affrontarla?

Sono in aumento i bambini che soffrono di dislessia: in Italia sono circa il 3%, una cifra rilevante. In passato insegnanti e genitori credevano che questi bambini semplicemente non avessero voglia di impegnarsi o che non fossero abbastanza intelligenti. Niente di più sbagliato: la diagnosi di dislessia si effettua innanzitutto escludendo un deficit intellettivo, psicologico o sensoriale (udito, vista ecc.). Nessun collegamento, quindi, con l’intelligenza che anzi, in molti di questi bambini, è persino superiore alla media.

Non è facile da diagnosticare

Di questo disturbo, infatti, soffrivano anche molti personaggi importanti: da Pablo Picasso a John. F. Kennedy, da Agatha Christie a Walt Disney. Sembra che persino Albert Einstein e Leonardo da Vinci fossero dislessici. Dunque, forse è proprio una spiccata intelligenza a rendere meno facile un riconoscimento tempestivo del problema: il bambino tende a mimetizzare le sue difficoltà con strategie geniali, ma molto dispendiose in termini di energie che lo affaticano notevolmente.

Può essere associata ad altri tipi di problemi

La dislessia è il più noto dei disturbi specifici di apprendimento (Dsa), ma può presentarsi anche in associazione ad altri problemi come:
– la disortografia: è un disturbo della scrittura che rende inevitabile un gran numero di errori ortografici o fonografici (sostituzione di p/b, c/g, f/v, t/d, ci/chi, ga/gia, errori nelle doppie, accenti, apostrofi, salti di lettere o sillabe, inversioni, ecc.);
– la disgrafia: è un disturbo nella grafia, intesa come abilità grafo-motoria di scrittura (“scrivere male” o essere molto lenti);
– la discalculia: il bambino fatica a fare le operazioni, a memorizzare le tabelline, non riesce a contare all’indietro, a leggere o scrivere correttamente i numeri e a ordinarli in modo crescente o decrescente.

I segnali a cui prestare attenzione

Anche se soltanto alla scuola materna si possono notare i primi campanelli d’allarme della dislessia, in realtà questo problema è presente sin dalla nascita. I segnali iniziali a cui prestare attenzione sono:
– il ritardo del linguaggio o la persistenza di errori nel parlato;
– la difficoltà di dividere in sillabe le parole, di sentire le rime o di discriminare il suono iniziale di una parola (abilità metafonologiche);
– il non riuscire a contare correttamente fino a dieci o a memorizzare i giorni della settimana;
– l’errata scrittura del proprio nome.

Le difficoltà a scuola

A scuola i bambini con questo tipo di difficoltà soffrono sia perché si accorgono di non riuscire a stare al passo con gli altri coetanei sia perché hanno paura di deludere le aspettative dei genitori. È anche per questo motivo che, se non si interviene tempestivamente, alla dislessia si aggiungeranno problemi psicologici, come l’eccessiva vivacità o, al contrario, un atteggiamento introverso del bambino.

 

 
 
 

In breve

LA DIAGNOSI VERSO I SETTE ANNI

Di norma si riesce a effettuare una diagnosi di dislessia soltanto dalla fine del secondo anno di scuola. Quando si osserva un deficit nel linguaggio del bambino è bene confrontarsi con le insegnanti e con il pediatra che suggerirà una prima valutazione logopedica e neuropsicologica. Solitamente viene fatto un primo colloquio con i genitori che serve a raccogliere informazioni, cui seguono alcuni incontri con il bambino al quale viene chiesto di disegnare, ripetere frasi, trovare l’immagine corretta richiesta, denominare, raccontare una storia, rispondere ad alcuni indovinelli. Al termine della valutazione, se necessario, si inizia una terapia logopedica volta al miglioramento delle abilità compromesse per esercitare gli aspetti deficitari e quindi per contenere le future difficoltà di apprendimento.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti