Dislessia nei bambini: un aiuto dai videogiochi d’azione

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 01/02/2019 Aggiornato il 01/02/2019

Nei bimbi con dislessia l'attenzione visiva e la velocità di lettura possono essere migliorate simultaneamente grazie ai videogame. Ecco perché

Dislessia nei bambini: un aiuto dai videogiochi d’azione

I videogiochi d’azione possono migliorare la dislessia nei bambini e incrementare la loro capacità e velocità di lettura, oltre che migliorare la memoria a breve termine, incidendo positivamente sull’efficienza dell’elaborazione visiva e uditiva dei piccoli con questo disturbo.

Non sempre negativi

A provare che i videogiochi – spesso sul banco degli imputati perché accusati di favorire, soprattutto nei più giovani, comportamenti violenti – se utilizzati nel modo giusto possono essere d’aiuto è uno studio condotto da Sandro Franceschini e Sara Bertoni del Laboratorio di Neuroscienze Cognitive e dello Sviluppo del Dipartimento di Psicologia Generale dell’Università di Padova e pubblicato sulla rivista medica Neuropsychologia.

Risultati in tempi brevi

La ricerca è stata effettuata su un campione di 18 bambini di 9 anni. I ricercatori hanno rilevato che la dislessia nei bambini migliorava dopo due sole settimane di utilizzo di videogiochi d’azione. Gli studiosi si sono concentrati in particolare sulla stimolazione visuo-attentiva e hanno dimostrato che nei bimbi dislessici l’attenzione visiva e la velocità di lettura possono essere migliorate simultaneamente utilizzando videogiochi d’azione, che possono inoltre comportare un potenziamento dell’elaborazione multisensoriale dovuta a un incremento della memoria a breve termine.

Un disturbo dell’apprendimento

La dislessia fa parte dei disturbi specifici dell’apprendimento (insieme di disturbi che comprende anche la disortografia, la disgrafia e la discalculia) e si caratterizza per la difficoltà nell’effettuare una lettura accurata e fluente in termini di velocità e correttezza che può avere ripercussioni sulla comprensione del testo scritto. Interessa circa un bambino su 10. Per effettuare una diagnosi solitamente è bene aspettare la fine della seconda elementare; se si hanno dei sospetti, però, non è da escludere la possibilità di una valutazione specialistica anche prima, soprattutto se in famiglia ci sono persone cui sono stati diagnosticati disturbi specifici dell’apprendimento.

 

 
 
 

Da sapere!

In presenza di segnali di dislessia è bene consultare una struttura sanitaria specializzata nei disturbi del neurosviluppo e richiedere una valutazione specialistica  mediante specifici test. Ci si può rivolgere ai centri per l’età evolutiva dell’Asl o a centri privati accreditati dal Servizio sanitario nazionale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti