Disturbo da iperattività: un aiuto dai gilet imbottiti?

Silvia Finazzi Pubblicato il Aggiornato il 05/08/2018

Indossare gilet imbottiti di sabbia aiuterebbe i bambini affetti da disturbo da iperattività a calmarsi. Ecco come agiscono

Oggi il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (Adhd) è sempre più diagnosticato. Purtroppo, al momento non sono ancora stati individuati dei trattamenti non invasivi realmente efficaci per tutti i bambini colpiti da disturbo da iperattività. Per questo, la ricerca non si ferma e gli esperti studiano continuamente nuove possibili soluzioni. Una delle più recenti arriva dalla Germania: si tratta di un gilet imbottito di sabbia che aiuterebbe a calmare i bambini particolarmente attivi e irrequieti e a tenerli seduti al banco.

Adottato in 200 scuole tedesche

Per ora, sono 200 gli istituti scolastici tedeschi che hanno deciso di ricorrere a questo nuovo dispositivo per aiutare gli alunni affetti da disturbo da iperattività, sempre più numerosi. Il gilet è stato progettato per impedire fisicamente ai bambini di agitarsi: è imbottito di sabbia e pesa tra 1,2 e 6 chilogrammi, per cui ostacola gli alunni nei loro movimenti, obbligandoli a calmarsi e a stare seduti al banco. Viene indossato al massimo per 30 minuti e viene utilizzato anche da chi non ha problemi – se ne fa richiesta – così da non creare esclusioni, differenze e stigma sociale. Per le scuole che l’hanno adottato il gilet, che costa tra i 140 e i 170 euro, costituisce un sistema semplice per affrontare un problema sempre più diffuso. In questo modo, infatti, non è necessario ricorrere alle medicine. “I bambini amano indossarli ma nessuno è costretto a farlo contro il suo volere” ha dichiarato Gehild de Wall, tra i pioneri dell’utilizzo dei gilet imbottiti.

Non tutti sono d’accordo

C’è chi, però, considera il gilet una soluzione poco indicata contro il disturbo da iperattività. Innanzitutto perché ricorda un po’ la camicia di forza e agisce limitando la libertà di movimento, diventando una sorta di metodo coercitivo. In secondo luogo perché mancano studi di lunga durata sulla sua efficacia.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 
Contro il disturbo da iperattività sono molto indicate le terapie comportamentali che coinvolgono genitori e insegnanti e sono attuate da professionisti qualificati.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti