Disturbo da iperattività: un aiuto dai gilet imbottiti?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 09/03/2018 Aggiornato il 05/08/2018

Indossare gilet imbottiti di sabbia aiuterebbe i bambini affetti da disturbo da iperattività a calmarsi. Ecco come agiscono

Disturbo da iperattività: un aiuto dai gilet imbottiti?

Oggi il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (Adhd) è sempre più diagnosticato. Purtroppo, al momento non sono ancora stati individuati dei trattamenti non invasivi realmente efficaci per tutti i bambini colpiti da disturbo da iperattività. Per questo, la ricerca non si ferma e gli esperti studiano continuamente nuove possibili soluzioni. Una delle più recenti arriva dalla Germania: si tratta di un gilet imbottito di sabbia che aiuterebbe a calmare i bambini particolarmente attivi e irrequieti e a tenerli seduti al banco.

Adottato in 200 scuole tedesche

Per ora, sono 200 gli istituti scolastici tedeschi che hanno deciso di ricorrere a questo nuovo dispositivo per aiutare gli alunni affetti da disturbo da iperattività, sempre più numerosi. Il gilet è stato progettato per impedire fisicamente ai bambini di agitarsi: è imbottito di sabbia e pesa tra 1,2 e 6 chilogrammi, per cui ostacola gli alunni nei loro movimenti, obbligandoli a calmarsi e a stare seduti al banco. Viene indossato al massimo per 30 minuti e viene utilizzato anche da chi non ha problemi – se ne fa richiesta – così da non creare esclusioni, differenze e stigma sociale. Per le scuole che l’hanno adottato il gilet, che costa tra i 140 e i 170 euro, costituisce un sistema semplice per affrontare un problema sempre più diffuso. In questo modo, infatti, non è necessario ricorrere alle medicine. “I bambini amano indossarli ma nessuno è costretto a farlo contro il suo volere” ha dichiarato Gehild de Wall, tra i pioneri dell’utilizzo dei gilet imbottiti.

Non tutti sono d’accordo

C’è chi, però, considera il gilet una soluzione poco indicata contro il disturbo da iperattività. Innanzitutto perché ricorda un po’ la camicia di forza e agisce limitando la libertà di movimento, diventando una sorta di metodo coercitivo. In secondo luogo perché mancano studi di lunga durata sulla sua efficacia.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 
Contro il disturbo da iperattività sono molto indicate le terapie comportamentali che coinvolgono genitori e insegnanti e sono attuate da professionisti qualificati.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti