Come capire se sono dolori della crescita?

Paola Risi A cura di Paola Risi Pubblicato il 24/01/2023 Aggiornato il 24/01/2023

Spesso i genitori sono portati a pensare che il bambino inventi scuse per non andare a scuola. Invece, i dolori della crescita sono una realtà. Ecco come imparare a capire se il bambino ha i dolori della crescita

I dolori della crescita sono un disturbo frequente nei bambini tra i 7 e i 10 anni

I dolori della crescita corrispondono a un disturbo del tutto innocuo e molto frequente tra i bambini in età scolare (sembrano colpirne circa il 10-20 per cento), in particolare tra i 5 e i 7 anni di età. Le cause che li determinano in realtà non sono ancora del tutto chiare anche se, di solito, si tende ad attribuirli alla velocità del ritmo di crescita articolare caratteristico di questa fase dello sviluppo: esso determinerebbe lo stiramento della membrana che riveste l’osso (il periostio) producendo una sensazione di dolore in particolare in corrispondenza degli arti inferiori.

Quando le ossa crescono fanno male?

Più precisamente si tratta di dolori di tipo muscolare, simili ai campi che interessano quasi esclusivamente gli arti inferiori (solo molto di rado possono estendersi anche alla braccia) e in particolare le cosce (in profondità), i polpacci e i piedi. Spesso il bimbo li percepisce senza una localizzazione definita e più generalmente lamenta “male alle gambe”.
In alcuni casi questo genere di dolore viene determinato da un’eccesso di attività fisica, una circostanza abbastanza comune nei bambini di 5-6 anni: a quest’età infatti sono dotati di una carica apparentemente inesauribile di energia che solo correndo, saltando e stando sempre in movimento sembra riuscire a ridursi un po’ al termine della giornata.

Quando compaiono i dolori della crescita?

È possibile che durante le ore serali e notturne, tutto questo sforzo fisico provochi dolore in corrispondenza delle gambe: ciò dipende dal fatto che i muscoli, quando lavorano, producono l’acido lattico, una sostanza che ha bisogno di qualche ora prima di venire smaltita. Durante tale processo di eliminazione la sensazione di indolenzimento muscolare è del tutto naturale e, laddove l’acido lattico risulti particolarmente abbondante, anche i crampi. Ciò vale anche per i bambini che hanno appena cominciato a praticare una disciplina sportiva: nel corso delle prime settimane, fase in cui i muscoli devono abituarsi a questa nuova attività, i dolori muscolari si evidenziano con particolare intensità dopo gli allenamenti. Nel caso dovessero persistere per qualche mese, invece, è consigliabile consultare il pediatra per accertarsi che la disciplina sportiva scelta sia effettivamente adatta alle caratteristiche fisiche del bambino.

Come distinguere i dolori della crescita da altri disturbi?

È importante, però, non confondere i dolori della crescita con l’indolenzimento muscolare che si prova quando è in corso un’infezione sia di origine virale (come una banale influenza) sia batterica (per esempio una tonsillite o una bronchite). In questo caso i dolori alle gambe si accompagnano ad altre manifestazioni quali stanchezza e svogliatezza, mancanza di appetito, mal di testa, mal di gola (soprattutto in caso di infezioni batteriche), febbre (pur se la temperatura sale in genere con qualche ora di ritardo rispetto agli altri sintomi). Una volta consultato il pediatra, il bambino verrà sottoposto alle cure più indicate a seconda del tipo di disturbo.

i segnali da osservare
I dolori della crescita, di solito, presentano determinate caratteristiche. Ecco le più comuni:

  •  sono intermittenti;
  •  risultano bilaterali (cioè interessano entrambe le gambe);
  • compaiono nelle ore notturne (per lo più nella fase di addormentamento ma a volte anche provocando il risveglio del bambino);
  • durano da una decina di minuti a qualche ora;
  • non producono gonfiore o arrossamento o alcuna particolare alterazione;
  • la loro intensità risulta piuttosto elevata infatti spesso i bambini piangono per il male che provano.

 

 
 
 

In sintesi

Cosa dare ai bambini contro i dolori della crescita?

I dolori della crescita sono del tutto innocui e non devono, quindi, destare la preoccupazione dei genitori: nel giro di qualche mese e, più raramente di qualche anno, si risolveranno in modo spontaneo senza bisogno di ricorrere ad alcun particolare trattamento.
Tuttavia, quando tendono a risultare piuttosto forti o se compaiono con una certa frequenza, possono comportare un notevole disagio al bambino: in questi casi il pediatra potrebbe prescrivere un analgesico a base di paracetamolo per attenuarne gli effetti e a fronte di sintomi particolarmente intensi consigliare la visita da un pediatra reumatologo.
Comunque, nel momento in cui si verifica l’episodio doloroso, è consigliabile effettuare dei massaggi manuali al bambino: agendo sulla struttura dei muscoli e delle articolazione tale pratica ne induce il rilassamento e la distensione favorendo l’attenuazione del dolore. Può rivelarsi efficace anche l’applicazione locale di calore.

 

Fonti / Bibliografia

  • Ossa lungheLe ossa sono segmenti di varia forma, densità e dimensioni, sono costituite da tessuto osseo: un tessuto connettivo di sostegno, fortemente mineralizz
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti