Hoverboard: infortuni a raffica

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 28/05/2018 Aggiornato il 02/08/2018

Solo negli Usa sono oltre 25.000 gli infortuni causati dagli hoverboard che hanno spedito in ospedale bambini e ragazzi

Hoverboard: infortuni a raffica

Sono migliaia i bambini e i ragazzi che in America sono finiti al Pronto soccorso a causa degli hoverboard nei due anni trascorsi dall’inizio della loro commercializzazione. Questo skateboard elettrico molto diffuso in America, si sta diffondendo anche nel nostro Paese e provoca numerosi incidenti tra i giovani, soprattutto tra gli undicenni.

Attenzione alle cadute

I dati arrivano da uno studio della Columbia University, pubblicato sulla rivista medica Pediatrics. I ricercatori hanno consultato il National Electronic Injury Surveillance System americano, negli anni 2015 e 2016, trovando 26854 segnalazioni di incidenti relativi all’uso dell’hoverboard (oltre a 121.398 con skateboard). Le lesioni più comuni sono fratture, contusioni, distorsioni e stiramenti. Esaminando i dati, gli esperti hanno constatato che migliaia di bambini che usavano gli hoverboard hanno riportato ferite ai polsi, all’avambraccio e alla testa. In generale, i bambini di 11 anni sono i più inclini a ferirsi con gli hoverboard, mentre dai 13 anni in poi le ferite più comuni sono dovute all’uso dello skateboard tradizionale. Dallo studio è, infine, emerso che a correre maggiori rischi di ferirsi sono i ragazzi rispetto alle femmine. Nel 3% dei casi è stato necessario il ricovero.

Fondamentale indossare il casco

Secondo i ricercatori, è importante mettere in campo misure preventive per diminuire gli incidenti: per esempio è fondamentale che i ragazzi indossino un casco appropriato e ben aderente, oltre a protezioni per i polsi con imbottitura, per ridurre il rischio di lesioni.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’hoverboard è considerato a tutti gli effetti un mezzo di trasporto e il codice della strada vieta l’utilizzo in strada e sui marciapiedi di hoverboard, pattini, monopattini elettrici e di tutti quei mezzi che accelerano l’andatura.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti