I bambini a scuola respirano aria inquinata

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/03/2015 Aggiornato il 18/03/2015

Bambini a rischio asma e allergie a causa dell’inquinamento indoor delle scuole. Sotto accusa scarsa pulizia e poca ventilazione in classe

I bambini a scuola respirano aria inquinata

Nelle scuole italiane ed europee non si respira una buona aria e l’ambiente dove studiano i nostri figli non è dei più sani: i bimbi di asili e elementari sono a contatto con micropolveri sottili (Pm 2.5), radon, ma anche benzene, anidride carbonica e formaldeide. Tra le cause i doppi vetri uniti all’assenza di ventilazione, le aule troppo affollate, la vicinanza a strade trafficate e problemi di pulizia.

Bambini esposti a troppi inquinanti

La scoperta si deve alla ricerca Sinfonie, finanziata dall’Unione Europea che si è occupata di valutare la qualità dell’aria in 114 scuole frequentate da 5.175 bambini (264 dell’asilo) e 1.223 insegnanti in 54 città di 23 Paesi europei.  In Italia lo studio ha interessato sei istituti: due in Sicilia (Palermo), due in Toscana (Pisa) e due in Lombardia (Milano). L’indagine ha rilevato che l’85% degli scolari europei è esposto a micropolveri sottili in concentrazioni superiori a 10 microgrammi per metro cubo, valore guida medio annuo raccomandato dall’Oms, la metà è esposto a quantità eccessive di radon e un quarto a troppo benzene, sempre facendo riferimento ai parametri Ue e Oms. A questo va aggiunto che oltre il 60% dei bambini è esposto anche a valori elevati di formaldeide e anidride carbonica.

Quali rischi

Respirare troppi inquinanti significa un maggiore rischio di soffrire di sintomi legati a malattie respiratorie e di certo non aiuta chi un problema lo ha già: l’8% degli scolari soffre di asma, il 9% di allergie nasali e il 17% di eczema. E il 3,6% dei bambini, poi, ha avuto un attacco di asma a scuola.

Fondamentale cambiare aria

I primi provvedimenti da prendere sarebbero, oltre a un efficace sistema di ventilazione, la presenza di un infermiere scolastico che assicuri non soltanto l’assistenza sanitaria quotidiana, ma anche il controllo del servizio pulizie, che buona parte delle scuole in Italia non ha. Piersante Sestini, docente di malattie respiratorie all’Università di Siena ha spiegato che i problemi sono diversi a seconda dell’età e tipologia degli edifici, della posizione della scuola e anche delle abitudini, per esempio i risultati possono variare se i bimbi rimangono tutto il giorno nella stessa classe o se si spostano in altri ambienti. Il problema principale, comunque, resta quello delle ventilazione; negli ultimi anni è stata data la precedenza al risparmio energetico e per questo motivo si sono creati ambienti quasi stagni dove gli inquinanti si accumulano: il benzene, che arriva dalla strada, l’anidride carbonica, la polvere o il gesso usato per le lavagne.

 

 

 

In breve

APRIRE SPESSO LE FINESTRE

Un recente studio del Berkeley Lab, in California, ha dimostrato che anche solo aprire spesso le finestre in classe migliora la ventilazione e riduce il numero di assenze per malattia degli studenti. Se non c’è un sistema di trattamento dell’aria interna  è importante ventilare le aule aprendo le finestre al mattino presto, quando non c’è il traffico delle auto che portano i bimbi a scuola.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti