I bimbi nati in autunno sono più a rischio asma

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/02/2014 Aggiornato il 17/02/2014

Secondo la ricerca, nascere in autunno espone il bambino ai rischi dell’asma perché vive la stagione fredda nei primissimi mesi di vita

I bimbi nati in autunno sono più a rischio asma

I bambini che nascono in autunno hanno più probabilità di altri di soffrire di asma bronchiale, una malattia molto diffusa caratterizzata dall’infiammazione dei bronchi. È quanto sostiene uno studio condotto da Wei-Pin Chang dell’università Yuanpei presso Hsinchu a Taiwan e pubblicato sulla rivista PLoS One.

Lo studio su oltre 104mila bambini

Lo studio sull’asma dei bimbi “autunnali” ha visto l’équipe condotta da Wei-Pin Chang dell’università Yuanpei analizzare dati su 104.455 bambini e ragazzi tra 7 e 15 anni che si erano recati in ospedale almeno una volta per diverse malattie, come asma bronchiale, dermatite atopica, rinite allergica. Gli esperti hanno incrociato i dati relativi al giorno di nascita dei bimbi con quelli diagnostici ed ecco quello che è emerso. Mentre ben il 10,59% dei bimbi nati in ottobre è risultato asmatico, l’asma bronchiale ha riguardato solamente il 7,21% di quelli nati a maggio. Complessivamentel la percentuale di bimbi asmatici  è risultata più alta del 13% per i nati in autunno rispetto a quelli nati nelle altre stagioni. Secondo gli scienziati, la maggiore suscettibilità dei bimbi nati in autunno ad ammalarsi di asma potrebbe essere collegata al fatto che i piccoli vivono la stagione fredda nei primissimi mesi di vita, e il freddo è associato a maggiore attività delle cellule epiteliali delle vie respiratorie e maggiore incidenza di infezioni respiratorie.

bronchite asmatica o asma?

A differenza dell’asma, gli episodi di bronchite asmatica non sono strettamente associati all’allergia e tendono a diminuire in età scolare. E quindi si preferisce definire con il termine bronchite asmatica la malattia caratterizzata da episodi di tosse ricorrente e difficoltà di respiro nei primi anni di vita. Questi episodi sono maggiormente associati a fattori legati alla nascita (per esempio iperreattività e/o minore calibro delle vie aeree) o ambientali (infezioni virali ed esposizione al fumo di sigaretta).

 

In breve

COLPISCE 10 BAMBINI SU 100

L’asma è la più frequente malattia cronica dell’infanzia e negli ultimi anni la sua prevalenza, specie nei bambini, sembra in crescita. Solo in Italia colpisce circa il 10% dei bambini, può comparire a ogni età ed essere determinata da varie infezioni delle vie respiratorie, fattori ambientali e reazioni allergiche. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti