I disturbi specifici dell’apprendimento minano l’autostima

Silvia Finazzi Pubblicato il Aggiornato il 23/11/2018

I bambini che soffrono di disturbi specifici dell’apprendimento spesso si scoraggiano e si sottovalutano. Per questo, genitori e insegnanti devono aiutarli

Sono in costante crescita i bambini che soffrono di disturbi specifici dell’apprendimento. A differenza di quanto si potrebbe pensare in apparenza, non si tratta di problematiche confinate al mondo scolastico. Anzi: questi problemi possono abbassare l’autostima e causare difficoltà psicologiche di vario tipo, che si riflettono in molti ambiti della vita del bimbo. Ecco perché vanno affrontati in modo adeguato.

Che cosa sono

I disturbi specifici dell’apprendimento, detti anche Dsa, sono essenzialmente quattro: dislessia, discalculia, disgrafia, disortografia. La prima è la difficoltà di lettura. In pratica, il bambino dislessico non riesce a distinguere e a mettere nell’ordine esatto le sillabe o le lettere che compongono una parola. La seconda è, invece, una difficoltà di calcolo, di conteggio e di scrivere e leggere i numeri. Il bambino che ne soffre non riesce facilmente negli apprendimenti matematici. La disgrafia è un disturbo di tipo percettivo-motorio che investe la scrittura dal punto di vista della forma e non del contenuto, per cui il bambino scrive male e lentamente e la sua calligrafia risulta quasi illeggibile. Infine, nella disortografia c’è una difficoltà nell’apprendimento della scrittura.

Ripercussioni importanti

Chi soffre di uno o più disturbi specifici dell’apprendimento (spesso essi sono presenti in associazione) non è meno intelligente degli altri bambini. Tuttavia, con il procedere del percorso scolastico è sempre più in difficoltà. Ecco perché presenta spesso un basso livello di autostima, è insicuro, tende chiudersi in se stesso, vive nel timore di essere giudicato ed etichettato come pigro o stupido. Non solo: può anche sviluppare depressione. Gli studi condotti in questo ambito, infatti, hanno dimostrato che una bassa autostima rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo della depressione e porta a sperimentare sentimenti di inadeguatezza in vari ambiti.

Programmi specifici

Per questo, è importante che genitori e insegnanti riconoscano il problema e facciano sentire il bambino accolto e “normale”. A scuola è essenziale seguire programmi e adottare tecniche che puntano sulle sue potenzialità, senza sottolinearne le mancanze. A casa è bene incitare i bambini per i loro piccoli successi quotidiani e sostenerli.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I bambini che presentano uno o più disturbi specifici dell’apprendimento hanno bisogno di essere incitati: questo non significa sostituirsi a loro nello svolgimento di un compito, ma essere sempre presenti e pronti a sostenerli quando serve.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti