I traumi subiti da bambini rendono più resistenti allo stress

La capacità di reagire positivamente allo stress e ai trauma è, però, anche una questione di geni

I traumi subiti da bambini rendono più resistenti allo stress

Forse non sempre lo stress è negativo: secondo l’equipe di Mathias Schmidt del Max Planck Institute of Psychiatry di Monaco, in Germania, le difficoltà incontrate nell’infanzia potrebbero aiutare a maturare un senso di adattamento, rendendoli in grado di affrontare meglio le avversità. I risultati di questa ricerca sono stati presentati al Forum Europeo di Neuroscienze (FENS Forum) a Milano.

Lo stress non è sempre un male

Molti studi hanno mostrato che lo stress nei bambini generalmente è correlato con l’aumento del rischio di insorgenza di disturbi di carattere psichiatrico, come la depressione. In realtà, non tutti poi sviluppano disturbi dell’umore; alcuni diventano, invece, più resistenti allo stress della media. Quindi si devono prendere in considerazione anche altri fattori.

I fattori genetici…

Alcuni esperimenti con i topi hanno permesso di vedere come gli effetti a lungo termine dello stress possano agire lungo il corso di una vita. Dai dati emersi dallo screening comportamentale e dagli esami molecolari è risultato che i topi con alcuni fattori genetici particolari si sono adattati in maniera migliore agli eventi stressanti da adulti, beneficiando di una capacità di recupero maggiore in età avanzata. I più colpiti dallo stress, invece, erano i topi geneticamente meno predisposti all’adattamento.
 

… E non solo

I risultati indicano che ambienti ed esperienze stressanti in età precoce condizionano la salute emotiva e cognitiva in età adulta, ma molti di questi effetti sono influenzati dai geni. I risultati individuali dipendono, quindi, da predisposizione genetica, l’intensità e l’ampiezza dell’esposizione durante l’infanzia, e dalle condizioni ambientali in età adulta. 

In breve

NON SEMPRE LO STRESS VIENE PER NUOCERE

Gli individui geneticamente predisposti ad affrontare lo stress precocemente potrebbero essere più a rischio di sviluppare disturbi psichiatrici successivi. Ma altri, geneticamente predisposti a essere meno colpiti, diventerebbero più attrezzati per affrontare le sfide da adulti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti